La rivolta delle mamme, petizione e proteste per riaprire le scuole

In poche ore quasi oltre ottomila firme per l'appello lanciato alla ministra Azzolina sulla piattaforma change. org

Foto di repertorio

Le famiglie si dividono sulla decisione di De Luca di chiudere le scuole e vietare le lezioni in presenza. Questa mattina una nutrita rappresentanza di mamme si è data appuntamento davanti alla sede della Regione Campania, dopo un tam tam cominciato nella tarda serata di ieri sui social network. L'obiettivo è riaprire secondo i protocolli del Ministero dell'istruzione. 

Alla protesta sotto la sede del governo regionale, si è aggiunta una petizione sostenuta anche da presidi e insegnanti. In poche ore quasi oltre ottomila firme per l'appello lanciato alla ministra Azzolina sulla piattaforma change. org

"Chiediamo che il ministero dell'Istruzione intervenga contro l'ordinanza della regione Campania - si legge nel documento on line - Chiediamo che tutti gli studenti e studentesse della Regione Campania ritornino, con decorrenza immediata, a poter usufruire della didattica "in presenza" nel rispetto dei protocolli sanitari nazionali vigenti. La Campania non può e non deve restare il fanalino di coda in un settore chiave come l'istruzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione, rossa e gialla: le Regioni che cambieranno colore prima di Natale

  • Ferrero assume operai e impiegati anche in Irpinia: come candidarsi

  • Zona rossa, scade l'ordinanza: la Campania confida nel cambio colore

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • Nuovo Dpcm 3 dicembre: lo stop ai parenti e le deroghe per residenza e domicilio nelle regole di Natale 2020

  • Fabrizio Corona rompe il silenzio sul matrimonio: la presunta moglie è avellinese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento