Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Fondi PNRR, De Luca: "Dobbiamo correre. In queste condizioni non andremo molto lontano"

Sul sistema dei rifiuti regionale: "Abbiamo ottenuto una riduzione della sanzione europea per infrazione ambientale e credo che, entro quest'anno, la elimineremo completamente"; in merito al ciclo delle acque: "Prossima settimana riunione per cominciare ad impostare un piano per la realizzazione di bacini collinari"

Questa mattina, nel DaDoM (Museo Darwin Dohrn) di via Francesco Caracciolo, a Napoli, il Governatore Vincenzo De Luca ha partecipato alla presentazione del Rapporto Sud, uno studio di Utilitalia e Svimez che analizza gli impatti economici e occupazionali delle utilities nel Mezzogiorno.

Rapporto Sud

Realizzato in collaborazione con Istat e Anbi, per questa seconda edizione il Rapporto Sud conterrà una fotografia del comparto industriale ambientale, idrico ed energetico nelle regioni del Meridione affrontando temi strategici quali gli impatti relativi agli investimenti programmati o candidabili ad essere finanziati tramite il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Il Rapporto intende avviare una riflessione sulla crescita industriale delle Utilities nel Mezzogiorno e sulle principali sfide per garantire uno sviluppo sostenibile.

PNRR, De Luca: "Rimane pesante il groviglio burocratico"

"I fondi del PNRR sono stati dati per recuperare, dal punto di vista delle infrastrutture, dell'occupazione e del divario di genere, la differenza tra Nord e Sud - ribadisce il Presidente della Campania, Vincenzo De Luca - tuttavia, in Italia questo è stato dimenticato. Sono due i problemi da affrontare. Il primo riguarda l'equilibrio interno al PNRR poichè stanno emergendo problemi drammatici che riguardano le risorse energetiche ed idriche. Probabilmente sarà necessario rimodulare il PNRR per attribuire più fondi per questi obiettivi".

"L'altro problema, come sempre, è la sburocratizzazione - aggiunge il Governatore -  credo che il Ministero delle Infrastrutture abbia fatto un lavoro interessante e abbia impegnato grandi aziende che sono in grado di progettare e di fare gare. Tuttavia, nel complesso, rimane pesante il groviglio burocratico. Dobbiamo correre perchè, in queste condizioni, non andremo troppo lontani".

Ciclo delle acque e sistema di gestione dei rifiuti 

"Per quanto riguarda la regione Campania, negli anni abbiamo dato un governo al sistema idrico e a quello dei rifiuti - afferma Vincenzo De Luca - siamo pienamente impegnati nella gestione del ciclo dei rifiuti, abbiamo ottenuto una riduzione della sanzione europea per infrazione ambientale e credo che, entro quest'anno, la elimineremo completamente ma dobbiamo accelerare per realizzare gli impianti di compostaggio". 

Per quanto concerne il ciclo delle acque, il Governatore fa sapere: "In queste ore stiamo lavorando per varare un grande piano per la realizzazione di una decina di invasi collinari concentrando l'attività della Regione su obiettivi di medio-lungo periodo dal punto di vista delle risorse idriche. La prossima settimana avremo una riunione tecnica con l'autorità di bacino dell'Appennino meridionale, le associazioni agricole, i responsabili dei consorzi di bonifica e l'assessorato all'ambiente per cominciare ad impostare un piano per la realizzazione di bacini collinari. Sarà una grande sfida però, insieme con la Diga di Campolattaro, la regione Campania sarà pienamente autonoma dal punto di vista delle forniture idriche sia per l'acqua potabile sia per l'irrigazione dei campi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi PNRR, De Luca: "Dobbiamo correre. In queste condizioni non andremo molto lontano"
AvellinoToday è in caricamento