menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quanto tempo dovremo restare a casa, Brusaferro: "Dopo Pasqua valuteremo"

La riapertura sarà un processo a tappe, bar e ristoranti saranno gli ultimi ad aprire

La normalità appare lontana. Il rallentamento dei contagi è visibile, ma la riapertura delle attività sarà un processo a tappe. Stesso discorso per il distanziamento. Ognuno di noi sarà chiamato a mantenere rigorosamente il rispetto dell'isolamento sociale.

Lo conferma il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro: "Assistiamo ad un appiattimento della curva, ma dobbiamo aspettare Pasqua per guardare i dati e stabilire come procedere".

Brusaferro in un’intervista a la Repubblica, frena sulle possibilità di un’uscita a breve dall’emergenza Coronavirus. "Il problema è capire quali forme di apertura garantiscono che la curva non ritorni a crescere" Poi aggiunge: "Certamente avverranno in modo graduale e dovremo organizzarci per essere capaci di intercettare rapidamente eventuali nuove persone positive. Stiamo anche valutando un’idea degli inglesi, quella dello “stop and go”. Ovvero aprire per un certo periodo e poi chiudere di nuovo». 

Al vaglio anche la possibilità di tenere a casa "anziani e malati fragili". 

Tutte ipotesi che tuttavia saranno confermate solo dopo Pasqua e in base ai dati e ad una stabile diminuzione dei contagi. Sicuramente gli ultimi ad aprire saranno - pare inevitabile - i luoghi a maggiore affollamento come bar, ristoranti, discoteche, ma anche stadi, musei.

Una ripresa parziale e progressiva pensata in base alle esigenze primarie in un'ottica di distanziamento sociale rigorosa.

"II Paese - ha spiegato l'epidemiologo Pierluigi Lopalco - sarà effettivamente al sicuro solo quando l'indice di contagio, il cosiddetto R con zero, sarà inferiore a uno, cioè quando una persona positiva avrà la potenzialità di infettare meno di una persona, ma è difficile dire ora quando ciò accadrà". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento