menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quando riapriranno bar, ristoranti, cinema e teatri?

l decreto varato da Draghi scade il 30 aprile, ma se la situazione dei contagi dovesse migliorare le cose potrebbero cambiare

Quando finirà il lockdown morbido previsto dall’ultimo decreto varato da Draghi? Il provvedimento scade solo il 30 aprile: fino a quella data l’Italia sarà divisa in regioni rosse e arancioni con le restrizioni che abbiamo imparato a conoscere in questi ultimi mesi.

Lo stesso decreto prevede però allo stesso tempo la possibilità di allentare le misure di conteninento in caso di bassi contagi e se la campagna vaccinale va avanti ed è in regola nel territori. "In ragione dell’andamento dell’epidemia - si legge infatti nel testo -, nonché dello stato di attuazione del Piano strategico nazionale dei vaccini con particolare riferimento alle persone anziane e alle persone fragili, con deliberazione del Consiglio dei ministri, sono possibili determinazioni in deroga al primo periodo e possono essere modificate le misure stabilite dal provvedimento". Insomma, il governo ha voluto lasciare aperta la porta a tutte le possibilità. Anche perché sul tema la Lega ha insistito molto.

Quando potrebbero riaprire bar e ristoranti: il governo valuta modifiche al decreto

Ma esiste davvero la possibilità che alcune attività possano riaprire prima della scadenza del decreto? A quanto pare sì: secondo il “Corriere della Sera” la data da segnarsi sul calendario è quella del 20 aprile quando potrebbero rialzare la serranda non solo bar e ristoranti (solo a pranzo), ma anche cinema e teatri la cui riapertura era stata annunciata da Franceschini per il 27 marzo e purtroppo rinviata a data da destinarsi. Non è tutto perché, sempre i contagi lo permetteranno, potrebbero riaprire anche parrucchieri e centri estetici in zona rossa.

Si tratta ovviamente solo di una ipotesi. Il premier Draghi d’altra parte è stato sempre molto chiaro: si deciderà solo in base ai contagi. Una posizione condivisa anche dal leader della Lega Matteo Salvini che oggi è tornato sul tema affermando che bisogna ascoltare la scienza "non l'ideologia che vede solo rosso". "Riaprire le attività e tornare alla vita fin da aprile, ovunque i dati medici lo permettano, è obiettivo della Legae speranza di milioni di italiani" ha fatto sapere il leghista.  Ma non è affatto così scontato. Anche perché finora la situazione dei contagi resta pesante. E la campagna vaccinale, benché faccia dei progressi, è ancora ferma agli over 80. 

Al momento comunque è tutto ancora in forse. "La cabina di regia non è stata al momento convocata né sono state definite date" hanno fatto sapere fonti del governo citate dalle agenzie di stampa. Per quanto attiene il quadro epidemiologico, proseguono le fonti, esso è costantemente monitorato. Ed è sulla base dei dati elaborati settimanalmente dall'Iss, Dg Prevenzione e Regioni che verrà valutata la situazione sulla diffusione del contagio e sulle misure e i tempi necessari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Attualità

Ciclo vaccinale completo: la Campania ultima regione d'Italia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, altri due decessi al "Frangipane"

  • Cronaca

    Sversamento illecito di acque reflue in un fondo agricolo

  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, altri tre decessi all'Ospedale Moscati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento