Attualità

Sviluppo territoriale sostenibile, i Sindaci dell’Area Vasta firmano le Linee di indirizzo

Saranno la base per definire gli interventi da presentare agli stakeholder locali nel successivo ciclo di laboratori

Il Comune di Avellino, ente capofila dell’Area vasta di Avellino, è tra le aree italiane pilota selezionate per sperimentare modelli innovativi per città inclusive, verdi e vivibili nell’ambito del progetto ANCI "MediAree – Next Generation City", finanziato con i fondi del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020. Il progetto nasce con l'obiettivo di rafforzare la programmazione e la gestione di politiche di sviluppo sociale ed economico di Area vasta, condividendo dati e informazioni territoriali e migliorando processi, competenze e strumenti di Pianificazione Strategica sovra-comunale.

Questa mattina, presso la Sala Consiliare del Comune di Avellino, i Sindaci dei 45 Comuni partner di Avellino - Next Generation City si sono riuniti per condividere i risultati del percorso partecipativo laboratoriale svoltosi tra dicembre e gennaio scorso e firmare le Linee di indirizzo per lo sviluppo territoriale sostenibile.

I Sindaci approvano a maggioranza e concordano con il presente documento d'indirizzo:

• di avviare il percorso finalizzato all'individuazione della VISION 2030 dell'Area Vasta di Avellino, di concerto con il coinvolgimento delle comunità locali, in termini di partenariato partecipato;

• di stabilire le seguenti aree tematiche su cui andare a costruire il percorso comune di progettazione partecipata che porterà a definire il P.I.V. Programma Integrato di Valorizzazione:

1. digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo

2. rivoluzione verde e transizione ecologica

3. infrastrutture per una mobilità sostenibile

4. istruzione e ricerca

5. coesione e inclusione

Di proporre ed individuare le seguenti strategie di sviluppo integrato sostenibile del progetto "Avellino e la sua Area vasta, Next Generation City" per dare avvio alla sperimentazione che porterà alla futura definizione del P.I.V. Programma Integrato di Valorizzazione che potranno essere oggetto di evoluzione nel corso del tempo, in base alle risorse disponibili e a nuovi progetti/strategie che dovessero emergere:

Digitalizzazione, innovazione, turismo e cultura

  • Rilancio del brand Irpinia, inteso come valorizzazione dell'identità culturale,
  • Valorizzazione del patrimonio storico-culturale, enogastronomico, religioso e archeologico del territorio,
  • Valorizzazione dei borghi e di un turismo naturalistico e rurale. Promozione del patrimonio materiale ed immateriale locale (Dieta mediterranea, Carnevale, tombolo, antichi mestieri, ecc.),
  • Innovazione digitale (tutti quei cambiamenti tecnologici, organizzativi, culturali, sociali, manageriali, creativi il cui fine è quello di migliorare l'applicazione della tecnologica digitale sul territorio dell'Area vasta di Avellino).

Rivoluzione verde e transizione ecologica

Valorizzazione del territorio, dal punto di vista naturalistico, paesaggistico ed ambientale, attraverso interventi che riguarderanno la riqualificazione ambientale e socio-economica del territorio, ma anche la valorizzazione di uno stile di vita tipico delle aree interne, specializzato sui temi della sana alimentazione e del benessere psico-fisico, caratteristico dell'area mediterranea, che i turisti potranno vivere e sperimentare durante il loro soggiorno, attraverso servizi ed attività proprie del tempo libero escursionistiche sportive, nonché di fruizione turistico enogastronomiche e culturali (trekking, escursioni, assaggio di prodotti enogastronomici tipici dell'area, implementare attività di sport e svago all'area aperta come ad esempio campi da golf, laghetti per pesca sportiva, parchi giochi e sportivi, piste ciclabili, ecc.).

Corridoio ecologico: Parco urbano del Fenestrelle e Parco della Valle del Sabato (rinaturalizzazione dell'asse fluviale (flora e fauna), sistemazione aree a verde attrezzato, creazione di servizi per il turista). Economia circolare e management dei rifiuti:

  • "C.I.R.O. Centro di Riuso di Avellino".
  • Miglioramento e meccanizzazione della rete di raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Progetto Pilota Compostiere di Comunità.
  • Valorizzazione di residui vegetali tramite impianto di biomasse

Infrastrutture per una mobilità sostenibile

  • Mobilità sostenibile dell'Area Vasta con il collegamento all'Alta Velocità: lasciamo il segno per le future generazioni!
  • Percorsi ciclabili interconnessi tra i Comuni del territorio mediante una strategia d'area che tenga conto di percorsi comuni e sentieri (cicloturismo).
  • Recupero e valorizzazione di antichi sentieri, con la creazione di percorsi "lenti" tra i comuni e i borghi.
  • Valorizzazione della linea Avellino - Rocchetta S. Antonio.

Istruzione e ricerca

  1. Costruzione e riqualificazione di istituti scolastici.
  2. Riutilizzo e rifunzionalizzazione di spazi in disuso per scopi culturali e di formazione (poli culturali e universitari in collaborazione con le Università).

Coesione e inclusione

  • Promuovere "Programmi Integrati di Edilizia Residenziale Sociale". Sostenere le fasce disagiate e sviluppare i servizi socio-sanitari innovativi
  • Rafforzare i servizi socio-sanitari per gli anziani non autosufficienti e dei diversamente abili. Sostenere il lavoro femminile e l'accoglienza delle donne vittime di violenza
  • Aumentare i servizi di cura alla persona alleggerendo i carichi familiari per innalzare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro attraverso l'incremento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sviluppo territoriale sostenibile, i Sindaci dell’Area Vasta firmano le Linee di indirizzo
AvellinoToday è in caricamento