Venerdì, 12 Luglio 2024
Attualità

Si chiude ad Avellino l’edizione 2022 di ReStartApp, incubatore per giovani imprese in Appennino

Ai 3 migliori progetti imprenditoriali sviluppati nell’ambito del Campus saranno assegnati da Fondazione Garrone premi di startup per un valore complessivo di 60.000 euro

Giunge alla sua conclusione, ad Avellino, l’edizione 2022 di ReStartApp, il Campus residenziale di formazione, incubazione e accelerazione per le giovani imprese del territorio appenninico italiano, promosso e realizzato da Fondazione Edoardo Garrone (www.fondazionegarrone.it) in collaborazione con il Comune di Avellino (www.comune.avellino.it).

Grazie a 10 settimane di formazione intensiva - con un piano didattico articolato tra lezioni in aula, laboratorio di creazione e sviluppo d’impresa, esperienze, testimonianze, casi di successo – 7 giovani aspiranti imprenditori, provenienti da tutta Italia, hanno potuto approfondire concretamente i propri progetti di impresa da realizzare in Appennino, con l’obiettivo di valorizzare, promuovere e sviluppare i territori montani e le loro risorse, in chiave innovativa e sostenibile.

Durante il Campus, i partecipanti sono stati affiancati nella stesura di un business plan completo e strutturato del proprio progetto imprenditoriale: Iolanda Bernardo vuole avviare un laboratorio agri- cosmetico artigianale in provincia di Benevento; Serena Cerullo propone un progetto di glamping sul territorio di Sant’Angelo a Scala (AV); Luigi Cuomo ha ideato la rassegna cinematografica itinerante Uppennino, in grado di arrivare nelle aree più interne dell'Appennino; Leonarda Luciani vuole avviare una fattoria didattica 2.0 da affiancare all’azienda agricola di famiglia, in provincia dell’Aquila; Roberto Piazza vuole avviare un'impresa zootecnica per la produzione di carne di manzo grass-fed nel Parco regionale del Matese; Elisa Pisotti propone una latteria artigianale per la produzione di prodotti agroalimentari freschi e stagionati, di alta qualità, tra cui un formaggio locale, la Mulan-na, di cui è rimasta l'ultima produttrice; Flavia Rocchini, infine, con la sua Smart Farm, intende coltivare un orto per conto dei propri clienti, rendendoli partecipi dell’attività attraverso una app.

I loro business plan saranno esaminati da una Commissione di Valutazione appositamente costituita, che assegnerà ai tre migliori progetti imprenditoriali premi di startup per un valore complessivo di 60.000 euro, oltre a un servizio di consulenza gratuita post campus della durata di un anno per i più meritevoli.

ReStartApp è il cuore del più ampio Progetto Appennino, ideato e promosso da Fondazione Edoardo Garrone, che per la sua edizione 2022 ha individuato il partenariato guidato dal Comune di Avellino – insieme al Comune di Mercogliano e alla Fondazione Polo Terra, in rappresentanza del territorio denominato “Area Vasta di Avellino” – come il più idoneo per realizzare l’originale programma di rilancio delle aree interne basato su formazione per la nascita di nuove giovani imprese, consolidamento del tessuto imprenditoriale esistente, creazione di reti e coinvolgimento dell’intera comunità in progetti di sviluppo locale condivisi e inclusivi.

Oltre a ReStartApp, fanno parte di Progetto Appennino anche “Vitamine in Azienda” e “Imprese in rete”, i percorsi di accelerazione e creazione di reti dedicati alle imprese locali, che stanno coinvolgendo in tutto 13 aziende dell’Area Vasta di Avellino, con l’obiettivo di favorire il consolidamento del tessuto produttivo rappresentato dalle piccole e medie imprese dell’Appennino irpino.

Sono partner di Progetto Appennino: Fondazione Symbola, Legambiente, UNCEM, Alleanza Mobilità Dolce, Club Alpino Italiano (CAI), Fondazione CIMA, Open Fiber, Tiscali, Federbim, Federforeste e PEFC Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si chiude ad Avellino l’edizione 2022 di ReStartApp, incubatore per giovani imprese in Appennino
AvellinoToday è in caricamento