rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Attualità

Piano socio-economico Campania, De Luca: "Aiuti a famiglie, imprese e studenti che integrano le misure del Governo"

Il Governatore tuona contro le forze politiche: "Muovetevi perché abbiamo fasce sociali al limite della resistenza. Se anche in un'emergenza drammatica come questa il Parlamento italiano non ha la capacità di decidere in 24 ore, vuol dire che dal 25 settembre in poi dovremo aspettarci anni complicati"

"Uno sforzo molto importante, un contributo al limite delle possibilità di bilancio della Regione Campania nell'uso dei fondi europei. In attesa delle decisioni finali del Governo, abbiamo la responsabilità di anticipare ed integrare le misure nazionali per imprese e famiglie". Così il Presidente Vincenzo De Luca descrive il nuovo piano socio-economico varato dalla Regione Campania per far fronte alla grave situazione che si è determinata dopo l’epidemia da Covid-19 e con l'aumento dei costi delle risorse energetiche ed idriche. Un programma di aiuti da 400 milioni di euro, contenente specifiche misure di sostegno a famiglie, imprese, società sportive e studenti campani, alcune delle quali in atto già da oggi.

Borse di studio e trasporto gratuito per gli studenti 

La Regione Campania ha rinnovato, per gli anni scolastici 2021-2022-2023, i contributi dedicati agli studenti quali borse di studio e trasporto pubblico gratuito: "Contiamo di dare una borsa di studio a 45mila studenti per l'anno accademico 21/22 entro il limite ISEE di 21mila euro. 107 milioni di euro per le borse di studio per il prossimo anno, aumentando il limite ISEE a 22.700 euro - spiega Vincenzo De Luca - le erogazioni sono già in corso per quanto riguarda l'anno 21/22; mentre è stato pubblicato l'avviso per l'anno 22/23. Inoltre, anche quest'anno abbiamo finanziato il trasporto per gli studenti delle scuole medie e delle università, fascia di età 11-26 anni, con una certificazione ISEE non superiore ai 35mila euro: una misura che, ogni anno, vale 30 milioni di euro" sottolinea.

Sostegno alle donne vittime di violenza 

Nel nuovo piano socio-economico della Regione Campania, importante sarà il sostegno alle donne vittime di violenza e ai loro figli: un contributo massimo di 6mila euro per ciascuna donna e massimo 2.500 euro per ciascun figlio fino ad esaurimento delle risorse stanziate.

Un'altra misura di recente approvazione è quella relativa all'inserimento negli asili nido dei bambini, di famiglie residenti in Campania, di età compresa tra 0 e 36 mesi: "Uno stanziamento di 6milioni di euro per aiutare anche le famiglie che non hanno copertura da parte dell'INPS. Contiamo di arrivare ad un contributo, aggiunto all'INPS, di 300 euro a famiglia, per un totale di 19.500 famiglie campane" precisa il Governatore.

Aiuti per le attività sportive

Attenzione anche alle pratiche sportive e alle società che si occupano di sport per favorire la socializzazione dei più giovani. "Stanziamo, per tre anni, 7 milioni di euro all'anno. 400 euro per ogni figlio a carico fino ad un massimo di 1.600 euro a famiglia. Un modo per rialimentare la vita sociale dei giovani dopo i due anni e mezzo di Covid" - dice Vincenzo De Luca - rappresenta un aiuto anche per 635 associazioni sportive dilettantistiche e società sportive di vario tipo che hanno rischiato di scomparire a seguito dell'interruzione delle attività". La pubblicazione del bando è prevista per il mese di settembre 2022.

Misure contro l'aumento del costo delle bollette

Il piano socio-economico regionale prevede una serie di misure volte a contrastare il rincaro dei costi delle bollette e a supportare le imprese manifatturiere, artigiane, alberghiere e di ristorazione.

"Per quanto riguarda la depurazione e la distribuzione delle risorse idriche le società erogatrici avranno un aumento spaventoso dei costi, che sono destinati a scaricarsi sulle bollette dei cittadini. Trattandosi di fondi europei e di fondi di bilancio, come Regione copriamo l'aumento dei costi di gestione delle aziende impegnandole a non aumentare le bollette dell'acqua. Un contributo rilevante che si aggiungerà a quelli dello Stato per quanto riguarda le bollette di luce e gas" - spiega il Governatore della Campania - daremo aiuti anche alle aziende erogatrici per quanto riguarda la distribuzione della risorsa idrica. 30 milioni di euro per sterilizzare gli aumenti che erano destinati a scaricarsi sulle bollette dell'acqua. Credo che queste misure siano un unicum in Italia". 

E ancora: "50milioni di euro, a partire da questo autunno, per 40mila aziende manifatturiere. Un contributo anche alle aziende che intendono realizzare impianti per la produzione di energia rinnovabile, così come promuoviamo le comunità energetiche rinnovabili e solidabili per i comuni della Campania che vogliono realizzare impianti per il risparmio energetico, riconvertire a led gli impianti dell'illuminazione pubblica, degli edifici scolastici e quant'altro. Una misura importante che rinnoveremo anche in futuro" assicura De Luca. 

"60 milioni di euro per le bollette energetiche delle aziende. Da gennaio a settembre abbiamo avuto incrementi del 30% delle bollette, a conferma del fatto che gli aumenti erano partiti già prima della guerra in Ucraina. La Regione Campania fornirà un aiuto, pari al 30% dei costi aggiuntivi, per la fascia di aumento che va dai 5mila ai 20mila euro".  Un'altra novità di questo autunno, per uno stanziamento di 55 milioni di euro, è l'aiuto per la locazione destinato a 75mila famiglie campane."Quest'anno faremo un bando direttamente come Regione, mentre negli anni passati il percorso era più lungo. Ora vogliamo arrivare prima alle famiglie" spiega De Luca.

De Luca alle forze politiche: "Muovetevi!"

Infine, il Governatore della Campania si rivolge alle forze politiche: "Muovetevi perchè abbiamo fasce sociali al limite della resistenza. Noi anticipiamo gli interventi che ci aspettiamo diventino operativi al più presto. Il nostro auspicio è che il dibattito parlamentare si concluda in tempi rapidi perchè se anche in un'emergenza drammatica come questa il Parlamento italiano non sa decidere in 24 ore, vuol dire che dal 25 settembre in poi dovremo aspettarci anni complicati dal punto di vista della capacità decisionale del Governo che si insedierà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano socio-economico Campania, De Luca: "Aiuti a famiglie, imprese e studenti che integrano le misure del Governo"

AvellinoToday è in caricamento