rotate-mobile
Attualità Montella

Parcheggio Convento di San Francesco a Folloni, Fra Cosimo Antonino: " Verità più volte travisata"

Quanto scrive il ministro provinciale in riferimento al parcheggio di cui il Comune di Montella rivendica la proprietà

"Con riferimento al parcheggio di cui oggi il Comune di Montella rivendica la proprietà, nonostante il grande rammarico per tutta la vicenda, nella qualità di ministro provinciale dei frati minori conventuali mi vedo costretto a ristabilire la verità più volte travisata, anche per rispetto ai sacrifici dei frati ed alla generosità dei benefattori che hanno contribuito alla realizzazione dell'area parcheggio del convento di San Francesco a Folloni.

Nel 2002 i frati del Convento di San Francesco hanno acquistato per la Provincia di Napoli dei Frati Minori Conventuali dal Sign. Varallo Gerardo un terreno attiguo al Convento (f. 25 particelle 317-325-331-327) con le offerte pervenute dai montellesi americani di Norristown. Il terreno è stato acquistato al fine di realizzarvi un parcheggio a servizio dei pellegrini e dei visitatori del Complesso conventuale di san Francesco a Folloni. L’intitolazione del piazzale al confratello montellese P. Giovanni Recupido è stata una iniziativa dei frati ed è motivata dal fatto che parte del parcheggio insiste su una consistente particella adiacente (318), oggetto di legato alla Provincia religiosa da parte del confratello, estinto alla fine degli anni ‘80.

Essendo tutta l’area vincolata dalla Soprintendenza per i Beni A.A.A.S. di Salerno e Avellino con un decreto ministeriale del 1984, l’intera pratica per il progetto del parcheggio è stata presentata dai frati, in qualità di proprietari del terreno, ed ha ricevuto tutte le autorizzazioni, compresa quella paesaggistica con la relazione positiva dell’UT del Comune di Montella, come richiesto dalla procedura. I vari progetti sono stati realizzati da tecnici di Montella che hanno messo a disposizione dei frati di San Francesco la loro professionalità in modo gratuito: il progetto è stato redatto dall’ing. Fabio Gramaglia e dall’arch. Carmine Musano, la progettazione per l’impianto elettrico è dell’ing. Vitantonio Gambone. I lavori sono stati eseguiti dalla Ditta Ferruccio Capone gratuitamente. Tutte le spese relative all’acquisto di cavi e di tutto il necessario per l’impianto di smaltimento delle acque e del successivo intervento per asfaltare l’area, dipingere le strisce e tutto il corredo, recuperare i vecchi pali della luce e reimpiegarli nella nuova sede del parcheggio, è stato realizzato con le offerte di Francesco d’Incanto (Festa di san Francesco) che aveva a quei tempi in Gaetano Volpe il presidente del Comitato.

Al Comune di Montella fu richiesto a suo tempo - e realizzato dopo i lavori al viale di san Francesco - di allacciare alla corrente pubblica l’impianto di luci del parcheggio per ragioni di sicurezza e perché il Complesso conventuale, in tal modo, fosse reso il più possibile fruibile ai fedeli e ai turisti. Questo a testimonianza di una collaborazione sempre intercorsa tra i frati e le varie Amministrazioni che si sono avvicendate alla guida del Comune di Montella, e che l’attuale Amministrazione pare disconoscere completamente".

Fra Cosimo Antonino, ministro provinciale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggio Convento di San Francesco a Folloni, Fra Cosimo Antonino: " Verità più volte travisata"

AvellinoToday è in caricamento