menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mezza Italia a rischio zona arancione da lunedì, cosa accadrà alla Campania?

Nove regioni possono finire in lockdown a partire dall'11 gennaio con l'ordinanza del ministero dopo la modifica dei parametri

Ci sono nove regioni a rischio zona arancione da lunedì 11 gennaio e la ragionevole certezza che il nuovo Dpcm in arrivo entro il 15 gennaio confermerà la stretta per tutta Italia. Mentre il bollettino dell'Epifania lancia segnali allarmanti sull'andamento dell'epidemia di coronavirus: il contagio cresce in tutta Italia e i casi gravi sono in aumento al Sud. 

Da lunedì e la stretta nel nuovo Dpcm

Non è una bella prospettiva quella che apre il 2021 del governo di Giuseppe Conte, alle prese intanto con la crisi interna alla sua maggioranza, con il rimpasto dell'esecutivo e le minacce di caduta. Ma le problematiche della politica passano necessariamente in secondo piano di fronte all'emergenza Covid-19, che ieri ha visto numeri in salita: 20.331 i positivi in più su base giornaliera con il tasso di positività stabile all'11,4% come martedì (ma con le persone testate per la prima volta, che ieri sono state 75.719, sale al 26,8%), e 76877 vittime. Ieri si è registrato un forte aumento del numero di tamponi effettuati (43mila in più), che in parte spiega la crescita dei contagi insieme allo shopping del periodo pre-festivo (gli effetti del decreto n.172 e delle deroghe e delle scappatoie per vedere parenti e amici verranno conteggiati più in là).

Leggi la notizia su Today 

Aumento dei positivi nell'intero Paese 

Intanto però nell'ultima settimana, segnala il dottor Paolo Spada su Pillole di Ottimismo, l'aumento dei positivi è del 28% nell'intera penisola. I valori più elevati tra le regioni si riscontrano in Abruzzo (+82,4% negli ultimi sette giorni rispetto ai sette precedenti), Sicilia (+66,5%), Basilicata (+60,1%), Bolzano (+45,6%), Lombardia (+45,3%), Campania (+41,9%), Marche (+37,3%), Emilia Romagna (+33,7%), Lazio (+32,5%). L'incidenza su base nazionale è di 196 nuovi positivi ogni 100mila abitanti in 7 giorni (eravamo a 150 alla fine di dicembre). I valori più elevati sono in Veneto, con 503 casi, seguono Friuli-Venezia Giulia (307), Emilia-Romagna (297), e la provincia autonoma di Trento (256). L'incidenza più bassa è in Toscana, con 84 casi.

Per effetto del decreto legge n.1/2020 5 gennaio dall’11 al 15 l’italia torna a dividersi per fasce di colore.

Con l’indice di contagio Rt sotto l’1 le regioni restano in fascia gialla, con l’Rt pari a 1 si va in fascia arancione e con l’Rt pari a 1,25 si va in fascia rossa. In ogni regione, i governatori potranno firmare ordinanze più restrittive rispetto a quelle del governo su scuola, negozi e spostamenti. Tra oggi e domani è atteso il report dell'Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute che sarà stilato in base alle nuove regole, ma attenzione: la Cabina di Regia Benessere Italia valuta Rt con riferimento ai numeri di una settimana prima. Secondo i pronostici del fisico Roberto Battiston l'Rt di tutta Italia per la settimana di riferimento dovrebbe essere a 0,99 (ad un soffio, quindi, dalla soglia che fa scattare la zona arancione). E questo non potrà che rendere complicato agire dal punto di vista politico in quelle regioni dove la crescita dei numeri nell'ultima settimana è stata più alta rispetto a quella precedente, come il Lazio. Il rischio, insomma, è che si intervenga quando ormai è troppo tardi.

Mezza Italia in zona arancione da lunedì e lo stato d'emergenza da prorogare

Il professor Walter Ricciardi, consigliere del ministero della Salute e docente di Igiene e Medicina preventiva alla Cattolica di Roma, in un'intervista rilasciata oggi al Messaggero si dice a favore della proroga dello stato d'emergenza fino al 31 luglio ma spiega proprio che bisogna anticipare il coronavirus, non andare all'inseguimento delle curve in crescita: "Questo stato di emergenza per altri sei mesi è necessario ma va colto in funzione dell’evidenza scientifica che ci dice una cosa ormai chiara: le misure per fermare la trasmissione di Sars-Cov-2 vanno mantenute in maniera coordinata sul territorio italiano e in modo comprensibile ai cittadini. Bisogna cercare di anticipare il virus, non inseguirlo. La sfida di oggi è questa e noi non ci stiamo riuscendo. Le istanze che, come scienziati, rappresentiamo al ministro della Salute e che lui a sua volta rappresenta al Parlamento scontano dei compromessi al ribasso che non riescono a gestire questa situazione. I provvedimenti vanno presi nella maniera giusta al momento giusto".

Le regioni a rischio secondo il Corriere della Sera

Ciò nonostante, mezza Italia, pronostica oggi il Corriere della Sera, potrebbe ritrovarsi in zona arancione da lunedì 11 gennaio. Ma indica come a rischio quelle segnalate nello scorso report, ovvero Veneto, Liguria e Calabria "con Rt maggiore di 1 anche nel valore inferiore", Basilicata, Lombardia e Puglia che "lo superano anche nel valore medio" ed Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Marche che "lo sfiorano". Nel frattempo però, fa sapere sempre il quotidiano, appare migliorata la situazione di Toscana, Friuli-Venezia Giulia e Campania, quasi certamente in fascia gialla così come il Molise. A rischio invece è il Lazio, con l'assessore alla Sanità Alessio D’Amato che parla di "peggioramento della curva per cui occorre massimo rigore e cautela". Rt sotto l’1 ma di pochissimo e per questo potrebbe arrivare domani il passaggio in arancione. 

Il bollettino di ieri in Campania segna un calo dei contagi, rapporto positivi-test al 7,93%

Torna a calare la curva dei contagi da Coronavirus in Campania: ieri il virus fa registrare 1.366 positivi su 17.212 tamponi effettuati, 678 in più di martedì, ma con 9.787 tamponi in più processati. In percentuale, significa che è positivo il 7,94% dei test, quasi due punti in meno del 5 gennaio uando l'indice di contagio era al 9,26%. Di tutti questi nuovi contagiati, 1.294 sono asintomatici e solo 72 presentano sintomi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento