rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

Marinelli riapre le porte del Lloyd's Baia: tante novità per la stagione estiva

Il gruppo di proprietà della famiglia irpina annucia ufficialmente un’apertura che in realtà non si è mai interrotta

Il desiderio di ripartire non è mai mancato. La voglia di accogliere i propri ospiti non è mai diminuita. A dire il vero il gruppo Marinelli Hospitality non si è mai fermato, gli hotel non sono stati chiusi durante il lockdown. Non si può, quindi, parlare di una vera riapertura, nonostante le difficoltà cui l’intero sistema alberghiero-ristorativo è andato incontro.

Marinelli Hospitality, presente con alberghi e ristoranti a Roma, Firenze, in Costiera Amalfitana e in Croazia, ha investito molto nei servizi di prevenzione e tecniche di protezione, all’interno delle proprie strutture e non solo. È servita una grande forza per resistere. D’altronde, il settore della ricezione e dell’ospitalità turistica è stato uno dei più duramente colpiti dall’impatto con il Covid-19. Questo non ha però impedito alla famiglia Marinelli di mantenere inalterati il buon senso e l’entusiasmo che da sempre la contraddistinguono, rimboccandosi le maniche per salvaguardare il lavoro e i propri dipendenti, perché le aziende sono fatte innanzitutto di persone.

Resistere a un’emergenza di siffatta complessità e dalle non poche complicanze ci è apparso quindi ancora più significativo, per tutelare un diritto e dare un messaggio di appartenenza ad un gruppo di lavoro che condivide gioie e affanni. Non sarà più il silenzio a riempire dunque i nostri spazi, così come non saranno di certo delle mascherine a imprigionare i nostri sorrisi e a fermare il desiderio di tornare alla vita di sempre. A prendere il sopravvento ora saranno il calore della famiglia e degli amici, il sole, il mare, la bellezza dei nostri luoghi, la condivisione di una cena, il piacere di riappropriarsi delle semplici abitudini di vita, ma questa volta intrise di una più profonda esperienzialità.

Il gruppo Marinelli Hospitality ha fatto dell’accoglienza e del buon cibo un emblema di qualità, riuscendo sempre a far sentire i propri ospiti a casa, e quindi al sicuro. La credibilità si costruisce nel tempo e il prendersi cura dei clienti, accoglierli e garantire loro un soggiorno di benessere è per noi una prerogativa fondamentale. Gli investimenti messi in campo, non soltanto in termini di sanificazione, certamente non ripagheranno gli enormi sforzi intrapresi, ma se pur consapevoli di questo, niente ha fermato il desiderio di allontanare ogni rischio e garantire la migliore accoglienza e ospitalità possibile. Coraggio, intraprendenza e passione hanno spinto il gruppo ad aprire in poche settimane la meravigliosa spiaggia privata del Lloyd’s Baia Hotel, con una nuova riorganizzazione del bar del lido e il nuovo progetto del ristorante pizzeria “Baia Bianca”, che offrirà la suggestiva esperienza di gustare, bordo mare, la cucina del territorio a Km0.

Particolare attenzione è stata dedicata ai futuri sposi, offrendo la totale disponibilità nel riorganizzare un evento così importante per la loro vita, così come non ci si sottrae al ricalendarizzare meeting e congressi per le aziende; in entrambi i casi tenendo fede agli accordi definiti prima dell’emergenza sanitaria e, quindi, senza modificare le condizioni contrattuali.

L’attenzione al cliente, l’amore per il lavoro, la pulizia e l’igienizzazione di oggetti e ambienti, sia durante la pandemia, sia durante la piena attività degli alberghi e dei ristoranti, sono e saranno i requisiti fondamentali per soddisfare le esigenze di ospiti e viaggiatori, garantendo prenotazioni in tutta tranquillità e un’esperienza di viaggio confortevole e sicura. Mai come ora siamo tutti più consapevoli della fugacità di ogni attimo e di quanto la condivisione sia ricchezza. Anche per questo, e grazie a tutto lo staff, la famiglia Marinelli è lieta di aprire.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marinelli riapre le porte del Lloyd's Baia: tante novità per la stagione estiva

AvellinoToday è in caricamento