rotate-mobile
Attualità

Manifestazione UNARMA a Roma, davanti al Ministero della Difesa

Abbiamo aperto un nuovo capitolo nella storia dei diritti dei militari, esempio anche per altre associazioni

UNARMA: prima grande manifestazione nella storia dei Carabinieri a Roma Grande successo, per la prima volta nella storia dell’Arma dei Carabinieri, per la vera grande manifestazione di protesta promossa dall’Associazione Sindacale a carattere militare UNARMA davanti al Ministero della Difesa in Roma. Così in una nota il Segretario Generale Provinciale di Avellino Dott. Massimiliano Lo Priore: Abbiamo aperto un nuovo capitolo nella storia dei diritti dei militari, esempio anche per altre associazioni. È stata una manifestazione educata in un momento di confronto pubblico senza precedenti. Ci sono giunti plausi da tutto il mondo sindacale delle forze di polizia e di quelle militari, tranne da quelle associazioni sindacali dei Carabinieri, forse non abituati a manifestare dissenso come lo abbiamo fatto noi, anche da parte di chi era lì per garantire l'ordine pubblico. Dovranno farci tutti l’abitudine, comprendere la trasformazione dell’organizzazione militare e dovranno avere l’intelligenza di capire che quei ragazzi erano lì anche per rappresentare i loro diritti, semmai qualcuno ne avesse bisogno. Abbiamo portato in piazza la voce di tutti i Carabinieri e ci abbiamo messo pubblicamente la faccia! Noi di Avellino eravamo i più numerosi, sempre presenti. Ringrazio il Segretario Nazionale Giuseppe Possidente, il Segretario Provinciale Generale di Avellino Valentina Guerriero, il Segretario di Sezione di Avellino Gerardo Alvino e Di Salvo Vincenzo, nonché tutti i nostri iscritti che si sono uniti in questa giornata di protesta. Ci vorrà un po’ di tempo ma ci arriveranno anche quelli che vivono con i paraocchi credendo ancora nei sentimenti del regio esercito o in arcaiche idee superate da anni. Siamo una realtà, devono farsene una ragione e non sprecare tempo prezioso. Voglio ringraziare tutte le donne e gli uomini in divisa che hanno partecipato, senza remore, con la speranza che tutti i Carabinieri ne prendano esempio. Per la prima volta nella storia il sindacato dei Carabinieri UNARMA è sceso in piazza, innanzi al Ministero della Difesa, per una mobilitazione organizzata dalla nostra segreteria nazionale per lottare con determinazione per garantire i diritti e la dignità di tutti i colleghi. Ringrazio infine il Ministro della Difesa per averci ricevuto e accolto le nostre proposte, dalla richiesta di stanziare nuovi fondi per il rinnovo del contratto che, a queste condizioni, noi di UNARMA non firmeremo, alla richiesta di maggiori tutele per i nostri Carabinieri all’annoso problema del sistema pensionistico e della pensione complementare. Speriamo non restino solo chiacchiere. UNARMA Associazione Sindacale Carabinieri si è mobilitata per evidenziare che le risorse stanziate dal governo per il contratto di lavoro sono drasticamente insufficienti, coprendo appena il 30% della perdita del potere di acquisto degli ultimi tre anni.Rimaniamo guardinghi e ci ripeteremo in queste iniziative!"Così in una nota il Segretario Generale Nazionale di UNARMA Dott. Antonio Nicolosi: “Desidero esprimere profonda gratitudine a tutti i membri di UNARMA e agli illustri segretari regionali che hanno partecipato con fervore e dedizione alla mobilitazione del 7 giugno. La massiccia adesione proveniente da ogni parte d’Italia dimostra la forza e la solidarietà della nostra associazione sindacale. Continueremo a lottare con determinazione per garantire i diritti e la dignità dei nostri Carabinieri. Grazie per il vostro impegno e la vostra fiducia. Inoltre, desidero ringraziare il Ministro della Difesa, Crosetto, per averci ricevuto aprendo a un confronto costruttivo sulla situazione attuale e per aver ascoltato le nostre istanze con attenzione e con la promessa di un prossimo incontro con la Premier Giorgia Meloni verosimilmente nel mese di luglio. Inoltre ci è stato assicurato che risponderanno alle istanze dei sindacati e stanno valutando risorse aggiuntive al contratto di lavoro insieme a fondi ad hoc relativi ai permessi sindacali per l’anno del 2025. Infine riguardo la partecipazione ai decreti attuativi del 2022 stiamo ravvisando aperture”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazione UNARMA a Roma, davanti al Ministero della Difesa

AvellinoToday è in caricamento