Attualità

Anpi e Cgil irpine celebrano la Giornata della Memoria

La nota: "Riflettere sul passato e leggerlo correttamente è un dovere civico e culturale di ogni cittadino italiano, ed è l'unico omaggio possibile alle vittime della deportazione, ed all'orrore che hanno vissuto"

Il 27 Gennaio, Giornata della Memoria, il nostro Paese dovrà vivere un momento di riflessione e raccoglimento su vicende che hanno segnato la storia del Novecento. L'ANPI provinciale e la CGIL auspicano che questa giornata non si esaurisca in una celebrazione retorica di un evento mostruoso per l'umanità, ma che diventi un'occasione di divulgazione di una verità storica inoppugnabile contro quei revisionismi, vecchi e nuovi, che negano l'evidenza di quanto è realmente accaduto.

Riflettere sul passato e leggerlo correttamente è un dovere civico e culturale di ogni cittadino italiano, ed è l'unico omaggio possibile alle vittime della deportazione, ed all'orrore che hanno vissuto. È il caso di ricordare le parole di Primo Levi: «Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anpi e Cgil irpine celebrano la Giornata della Memoria

AvellinoToday è in caricamento