Giletti shock: "Sceriffo perché ha nominato suo vice un condannato"

Guerra senza fine tra Massimo Giletti e Vincenzo De Luca

"Che segnale diamo alla gente onesta?" 

A Non è l'Arena Massimo Giletti torna ad attaccare Vincenzo De Luca. Questa volta, nella puntata di domenica 6 dicembre, il conduttore di La7 racconta di una vicenda legata al governatore della Campania. 

"De Luca in questi giorni - ha fatto sapere Giletti - ha nominato come suo 'segretario particolare' un condannato ad un anno e mezzo nel 2015".

Giletti ha sollevato il caso del ritorno di Nello Mastursi a capo della segreteria di De Luca. Mastursi fu “scaricato” dal Governatore nel 2015 perché indagato per il reato di induzione indebita ed è stato condannato in primo grado a un anno e sei mesi di reclusione. Ora è stato riassunto con le stesse mansioni e nel medesimo ruolo di prestigio. Massimo Giletti è sarcasticamente stupito:

"De Luca giustamente lo scaricò, e ora lo ha fatto tornare alle sue dipendenze.Per carità, io sono garantista perché è una condanna di primo grado, ma non è un bell’esempio. Un governatore non può mettersi come segretario particolare una persona del genere, che segnale diamo alla gente? Come è possibile che nessuno dice niente? Se lo avesse fatto Matteo Salvini e Giorgia Meloni cosa sarebbe successo  e cosa staremmo dicendo e scrivendo? La situazione è preoccupante. Un governatore che sceglie un condannato come segretario particolare. Sceriffo, lei si è messo come vice sceriffo un condannato. Complimenti.". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Campania arriva Burian: ondata di gelo e temperature polari

  • Coronavirus a Montemarano: 5 bambini in età scolare positivi al Covid

  • Spostamenti per andare dai congiunti e ospiti a casa: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il pizzaiolo Maglione aderisce alla manifestazione pacifica #Ioapro: "Lavorare è un diritto"

  • Tragedia ad Avellino, donna muore dopo una caduta accidentale in casa

  • Nuovo Dpcm: sei regioni in zona gialla, due rossa e il resto in arancione

Torna su
AvellinoToday è in caricamento