L'addio all'ex assessore Roberto Vanacore

Nella giornata di oggi è stato celebrato il funerale dell'ex assessore all'urbanistica

Nella serata di oggi, presso la Parrocchia Santa Maria di Montesanto, hanno avuto luogo i funerali di Roberto Vanacore, ex Assessore all’Urbanistica dell’era Foti, scomparso ieri all’età di 59 anni.

L'architetto, Docente presso il Dipartimento di Ingegneria civile dell’Università di Salerno, lottava da mesi contro un brutto male che lo ha strappato all'affetto dei suoi cari.

Grande commozione per l'ultimo saluto a un uomo a cui tutti volevano davvero bene. Al rito funebre, oltre all'ex sindaco di Avellino, Paolo Foti e i colleghi dell’Università degli studi di Salerno, erano presenti anche tantissimi studenti del Professore Vanacore. I ragazzi, in questo giorno di profondo dolore, non hanno voluto fare mancare il loro sostegno ai familiari di un uomo che, per la loro carriera accademica, ha significato veramente tanto.  

I tanti messaggi d'affetto dei suoi studenti

Avellino Today ha raccolto le dediche di alcuni degli studenti del prof. Vanacore. Un affetto sincero che nulla potrà mai cancellare: 

Ancora sconvolti e toccati, vogliamo oggi provare a ricordare una persona che per tutti noi è stata molto più che un semplice professore: una persona buona, attenta, sempre disponibile, mai fuori luogo, una persona che con garbo ha saputo sempre approcciarsi a noi studenti col sorriso, ha saputo trasmetterci il suo sapere e le sue conoscenze. Da oggi, ancora di più, faremo tesoro di tutti i suoi insegnamenti e custodiremo in maniera preziosa tutte le sue lezioni.

Grazie per tutte le opportunità che ci ha offerto, grazie per tutti i consigli, se oggi siamo qui, è anche grazie a lei. La ricorderemo sempre, è stato un onore per noi averla come maestro.

Gli studenti di Ingegneria Edile-Architettura dell’Università degli studi di Salerno

Caro professore

Grazie per tutti i suoi insegnamenti,

Grazie per ogni parola di conforto,

Grazie per aver creduto nei suoi allievi,

Grazie per la sua costante presenza e cordialità,

Grazie per averci sempre accolti con un sorriso in aula e per i corridoi,

Grazie per tutto ciò che ha piantato in me: fiducia e passione.

Averla come Maestro tra i banchi e di vita è stato un immenso onore.

Avrò sempre un caro ricordo di lei. Buon viaggio maestro.

Simona Cucciniello

Grazie Prof Vanacore per essere stato non solo un maestro di scuola, ma anche maestro di vita.

Raffaele Vietri

Un professore unico nel suo genere, con un animo gentile e sempre pronto a darti un consiglio... non dimenticherò mai i suoi insegnamenti e le sue critiche che mi hanno fatto crescere tanto... una persona meritevole di ammirazione anche se per molti passava quasi inosservato vista la sua riservatezza... lo porterò nel cuore ... e se oggi so qualcosa sull'architettura devo tantissimo a lui.

Francesco Pisani

Di solito non mostro i miei pensieri e sentimenti, ma oggi credo sia mio dovere, in qualità di Allieva, ringraziare, ricordare e testimoniare l'animo buono, la forza indiscussa e le parole giuste che un grande Maestro mi ha mostrato.

Un Maestro che ha sempre dato tutto sé stesso per l’insegnamento, non solo didattico ma anche di vita, creava opportunità e ricordi mettendoli a disposizione di tutti, suoi studenti o meno.

Un Maestro che con i suoi modi pacati riusciva a trasmettere dubbio e fascino, ciò che serve per dare passione e stimolo d’interesse.

Un Maestro che sapeva ascoltare, dalle grandi vedute.

Un Maestro che sarà sempre nel mio cuore e nei miei ricordi.

Addio, Professore Roberto Vanacore.

Carmela Caliano

Un Professore umano e pacato come pochi, capace di trasmettere le Sue idee e al tempo stesso incoraggiare quelle degli studenti per quanto diverse (non dimenticherò che è stato l'unico ad appoggiarci quando gli presentammo un progetto con scale a pianta triangolare definendolo "alla Escher").

Ci ha lasciato troppo presto un uomo dotato di grande sensibilità, un insegnante valido e competente.

Buon viaggio, Professore

Isabella Spagnuolo

“Abito-abitare-abitudine”

L’etimologia delle parole ci aiuta ad approssimarci al mondo che ci circonda, del quale Lei é stato attore protagonista in qualità di Maestro di architettura e di vita.

“Habere” - questa una delle Sue prime parole appuntate durante le mie prime lezioni all’università - in latino significa “avere, possedere” e da questo verbo derivano “habitus”, che indica l’aspetto esteriore, la qualità, la caratteristica, e, ovviamente “habitare”.

Lei ha sempre posseduto l’attenzione e il rispetto di ogni Suo studente e l’affetto di ogni Suo collega. D’altro canto, aver noi posseduto il Suo tempo e possedere oggi i Suoi insegnamenti ci rende essere umani più grandi e consapevoli.

Conserverò sempre gelosamente il mio ricordo di Lei, dei Suoi modi cortesi, delle Sue spiegazioni del mondo con gli occhi rivolti sempre al cielo.

Che possa quest’ultimo averLa accolta come l’anima più gentile e che possa la terra esserLe lieve. Non sarà dimenticato.

Flora Arrichiello

Un uomo di grande saggezza e cultura. Mi ha insegnato tutto ciò che so di architettura trasmettendomi il suo amore per questa professione. Ci mancherà tantissimo.

Laura Giorgia Sorano

Mi piace ricordarla con questa foto che ha scattato lei stesso.

Un angolo di cielo africano che riesce a trasmettere la stessa tranquillità che sapeva trasmettere lei, una decisa pacatezza.

Oggi la terra ha perso una persona buona.

Custodirò per sempre il suo ricordo e il suo insegnamento,

buon viaggio professor Vanacore.

Angela Gaita

Il professore Vanacore non era un professore come tanti, era una persona buona, gentile, pacata, sempre disponibile con noi studenti, attenta alle nostre esigenze, sempre pronta a spronarci, a incoraggiarci ed aiutarci. È per questo che oggi per me è difficile accettare la notizia della sua scomparsa. Non è stato solo un professore, il suo modo di essere e di fare sono stati e resteranno per me un insegnamento ed un esempio. Custodirò in maniera preziosa le sue lezioni, i suoi innumerevoli consigli, perché è stato parte della mia crescita e sempre lo sarà.

Abbiamo perso un professore dal valore enorme, ma posso ritenermi fortunata e onorata di aver avuto una persona come lui come maestro.

Grazie per tutto quello che ha fatto per me, per noi. Qui la ricorderemo sempre.

Arrivederci prof.

Liliana Cecere

Ho ripensato al mio primo anno di università, disorientata e a digiuno di tutto ciò che fosse progettazione ed architettura. Vanacore fu il primo professore a invitarci ad uscire dallo schema preconfezionato del "faccio solo ciò che serve all'esame", il primo a smontarlo lezione dopo lezione, il primo a riaccendere la fiamma del pensiero critico, il primo a stimolare la nostra curiosità, a farla diventare famelica di immagini, suggestioni, parole...quelle delle riviste o dei libri. È grazie a lui che ho iniziato a leggere di architettura e ad appassionarmi a quello che oggi è diventato il mio lavoro.

Come ho letto anche nelle parole di molti altri, è stato pungolo e ispirazione vera. Ne ricorderò sempre il garbo, l'umanità, oggi rara, una conoscenza sconfinata mai ostentata.

Ho vivido ancora un ricordo.

La felicità nel suo sguardo ad un incontro con Settis, fiero di vederci là anche senza obbligo di presenza ma per il piacere di ascoltare. Ricordo di averlo ringraziato per quell'opportunità, frutto del suo spendersi sempre affinché la cultura dei grandi maestri non fosse ultimo baluardo ma pane quotidiano nel nostro percorso.

Sarò per sempre grata di essere stata sua allieva.

Alessia Amore

Ancora sconvolti e toccati, vogliamo oggi provare a ricordare una persona che per tutti noi è stata molto più che un semplice professore: una persona buona, attenta, sempre disponibile, mai fuori luogo, una persona che con garbo ha saputo sempre approcciarsi a noi studenti col sorriso, ha saputo trasmetterci il suo sapere e le sue conoscenze. Da oggi, ancora di più, faremo tesoro di tutti i suoi insegnamenti e custodiremo in maniera preziosa tutte le sue lezioni.

Grazie per tutte le opportunità che ci ha offerto, grazie per tutti i consigli, se oggi siamo qui, è anche grazie a lei. La ricorderemo sempre, è stato un onore per noi averla come maestro.

Gli studenti di Ingegneria Edile-Architettura dell’Università degli studi di Salerno

Caro professore

Grazie per tutti i suoi insegnamenti,

Grazie per ogni parola di conforto,

Grazie per aver creduto nei suoi allievi,

Grazie per la sua costante presenza e cordialità,

Grazie per averci sempre accolti con un sorriso in aula e per i corridoi,

Grazie per tutto ciò che ha piantato in me: fiducia e passione.

Averla come Maestro tra i banchi e di vita è stato un immenso onore.

Avrò sempre un caro ricordo di lei. Buon viaggio maestro.

Simona Cucciniello

Grazie Prof Vanacore per essere stato non solo un maestro di scuola, ma anche maestro di vita.

Raffaele Vietri

Un professore unico nel suo genere, con un animo gentile e sempre pronto a darti un consiglio... non dimenticherò mai i suoi insegnamenti e le sue critiche che mi hanno fatto crescere tanto... una persona meritevole di ammirazione anche se per molti passava quasi inosservato vista la sua riservatezza... lo porterò nel cuore ... e se oggi so qualcosa sull'architettura devo tantissimo a lui.

Francesco Pisani

Di solito non mostro i miei pensieri e sentimenti, ma oggi credo sia mio dovere, in qualità di Allieva, ringraziare, ricordare e testimoniare l'animo buono, la forza indiscussa e le parole giuste che un grande Maestro mi ha mostrato.

Un Maestro che ha sempre dato tutto sé stesso per l’insegnamento, non solo didattico ma anche di vita, creava opportunità e ricordi mettendoli a disposizione di tutti, suoi studenti o meno.

Un Maestro che con i suoi modi pacati riusciva a trasmettere dubbio e fascino, ciò che serve per dare passione e stimolo d’interesse.

Un Maestro che sapeva ascoltare, dalle grandi vedute.

Un Maestro che sarà sempre nel mio cuore e nei miei ricordi.

Addio, Professore Roberto Vanacore.

Carmela Caliano

Un Professore umano e pacato come pochi, capace di trasmettere le Sue idee e al tempo stesso incoraggiare quelle degli studenti per quanto diverse (non dimenticherò che è stato l'unico ad appoggiarci quando gli presentammo un progetto con scale a pianta triangolare definendolo "alla Escher").

Ci ha lasciato troppo presto un uomo dotato di grande sensibilità, un insegnante valido e competente.

Buon viaggio, Professore

Isabella Spagnuolo

“Abito-abitare-abitudine”

L’etimologia delle parole ci aiuta ad approssimarci al mondo che ci circonda, del quale Lei é stato attore protagonista in qualità di Maestro di architettura e di vita.

“Habere” - questa una delle Sue prime parole appuntate durante le mie prime lezioni all’università - in latino significa “avere, possedere” e da questo verbo derivano “habitus”, che indica l’aspetto esteriore, la qualità, la caratteristica, e, ovviamente “habitare”.

Lei ha sempre posseduto l’attenzione e il rispetto di ogni Suo studente e l’affetto di ogni Suo collega. D’altro canto, aver noi posseduto il Suo tempo e possedere oggi i Suoi insegnamenti ci rende essere umani più grandi e consapevoli.

Conserverò sempre gelosamente il mio ricordo di Lei, dei Suoi modi cortesi, delle Sue spiegazioni del mondo con gli occhi rivolti sempre al cielo.

Che possa quest’ultimo averLa accolta come l’anima più gentile e che possa la terra esserLe lieve. Non sarà dimenticato.

Flora Arrichiello

Un uomo di grande saggezza e cultura. Mi ha insegnato tutto ciò che so di architettura trasmettendomi il suo amore per questa professione. Ci mancherà tantissimo.

Laura Giorgia Sorano

Mi piace ricordarla con questa foto che ha scattato lei stesso.

Un angolo di cielo africano che riesce a trasmettere la stessa tranquillità che sapeva trasmettere lei, una decisa pacatezza.

Oggi la terra ha perso una persona buona.

Custodirò per sempre il suo ricordo e il suo insegnamento,

buon viaggio professor Vanacore.

Angela Gaita

Il professore Vanacore non era un professore come tanti, era una persona buona, gentile, pacata, sempre disponibile con noi studenti, attenta alle nostre esigenze, sempre pronta a spronarci, a incoraggiarci ed aiutarci. È per questo che oggi per me è difficile accettare la notizia della sua scomparsa. Non è stato solo un professore, il suo modo di essere e di fare sono stati e resteranno per me un insegnamento ed un esempio. Custodirò in maniera preziosa le sue lezioni, i suoi innumerevoli consigli, perché è stato parte della mia crescita e sempre lo sarà.

Abbiamo perso un professore dal valore enorme, ma posso ritenermi fortunata e onorata di aver avuto una persona come lui come maestro.

Grazie per tutto quello che ha fatto per me, per noi. Qui la ricorderemo sempre.

Arrivederci prof.

Liliana Cecere

Ho ripensato al mio primo anno di università, disorientata e a digiuno di tutto ciò che fosse progettazione ed architettura. Vanacore fu il primo professore a invitarci ad uscire dallo schema preconfezionato del "faccio solo ciò che serve all'esame", il primo a smontarlo lezione dopo lezione, il primo a riaccendere la fiamma del pensiero critico, il primo a stimolare la nostra curiosità, a farla diventare famelica di immagini, suggestioni, parole...quelle delle riviste o dei libri. È grazie a lui che ho iniziato a leggere di architettura e ad appassionarmi a quello che oggi è diventato il mio lavoro.

Come ho letto anche nelle parole di molti altri, è stato pungolo e ispirazione vera. Ne ricorderò sempre il garbo, l'umanità, oggi rara, una conoscenza sconfinata mai ostentata.

Ho vivido ancora un ricordo.

La felicità nel suo sguardo ad un incontro con Settis, fiero di vederci là anche senza obbligo di presenza ma per il piacere di ascoltare. Ricordo di averlo ringraziato per quell'opportunità, frutto del suo spendersi sempre affinché la cultura dei grandi maestri non fosse ultimo baluardo ma pane quotidiano nel nostro percorso.

Sarò per sempre grata di essere stata sua allieva.

Alessia Amore

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • Fabrizio Corona rompe il silenzio sul matrimonio: la presunta moglie è avellinese

  • Nuovo Dpcm 3 dicembre: lo stop ai parenti e le deroghe per residenza e domicilio nelle regole di Natale 2020

  • Zona arancione, rossa e gialla: le Regioni che cambieranno colore prima di Natale

  • Rinasce il Mercatone, inaugura il supermercato: maxi parcheggio e aree verdi

  • In Campania è stato raggiunto il picco dei contagi

Torna su
AvellinoToday è in caricamento