menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Essere diversi”, il regista Francesco Musto: "Il fenomeno del bullismo è più vivo che mai"

Francesco Musto, giovane disabile di san michele di Pratola, ha realizzato un cortometraggio che vuole essere denuncia contro un fenomeno ancora troppo attuale

Francesco Musto, giovane disabile di san michele di Pratola, ha realizzato il cortometraggio “Essere diversi”. Il ragazzo, attraverso un cammino difficile, ha saputo mescolare la creatività alla propria infinita sensibilità; creando un una piccola opera in grado di raccogliere, nel breve, grandi consensi e apprezzamenti. Il tema trattato, il bullismo, è più che mai attuale e Francesco, raggiunto dai microfoni di Avellino Today, ha rilasciato interessantissime dichiarazioni: 

"L'idea nasce circa un annetto fa, ripensando a un grave episodio di bullismo avvenuto presso un istituto di Torino. A seguito di queste difficoltà, ho pensato che l'unico modo concreto che avessi per farmi sentire era di fare qualcosa che valorizzasse il mio vissuto ma anche le mie capacità. Così è venuta fuori l'idea di creare questo cortometraggio. Ho iniziato a scrivere la sceneggiatura nel mese di maggio e, a settembre, erano già iniziate le riprese". 

Perchè la scelta di chiamare questo cortometraggio "Essere diversi"?

"Essere diversi non parla solo di differenze fisiche, ma anche e soprattutto della diversità interiore. Quella volontà di fare scelte diverse che accomuna tutti noi, non soltanto i disabili. Dobbiamo inseguire le nostre diversità caratteriali perchè, quelle fisiche, saltano subito all'occhio ma, quelle interiori, dobbiamo andarle a cercare". 

Che messaggio vuoi dare con il tuo cortometraggio?

"Senza ombra di dubbio voglio dire che il fenomeno del bullismo è più vivo che mai. Ogni giorno sentiamo di episodi di violenza che, purtroppo, spesso, conducono anche a conseguenze drammatiche. Mi piacerebbe pensare che, il mio cortometraggio, possa smuovere le coscienze insegnando, una volta per tutte, quanto questa violenza possa fare male non soltanto al corpo, ma anche all'anima". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento