Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Ferrovia, dal degrado al futuro: nasce Avellino Scalo

Il progetto di Visit Irpinia, frutto dell'accordo con Ferrovie dello Stato, per rilanciare il turismo e restituire centralità al capoluogo

Da quartiere periferico e marginalizzato, simbolo del degrado e dello spopolamento, a spazio urbano innovativo e funzionale a servizio di una città che guarda ai prossimi 30 anni e mira con ansia il completamento dell’elettrificazione della tratta Salerno – Avellino – Benevento. 

Questo, in sintesi, l’obiettivo alla base del progetto Avellino Scalo di Visit Irpinia, la startup innovativa a vocazione turistico-ricettiva che ha proposto a Ferrovie dello Stato di riqualificare dal punto di vista urbano e rivitalizzare dal punto di vista sociale tutti quegli spazi commerciali presenti all’interno della Stazione dei Treni di Borgo Ferrovia che negli anni sono stati di volta in volta dismessi.

Con la firma dell’accordo tra FFSS e Visit Irpinia, i 340 metri quadrati che fino a qualche anno fa ospitavano la biglietteria, l’edicola, il bar e i servizi dedicati agli operatori di Ferrovie dello Stato, sono stati concessi alla startup guidata da Alessandro Graziano per ribaltare un paradigma trentennale di abbandono e desertificazione, e trasformare Borgo Ferrovia in centro nevralgico di un nuovo modo di concepire il vivere urbano che graviterà necessariamente attorno al futuro hub intermodale di Avellino.

"Sin dalla sua nascita, Visit Irpinia si è focalizzata sulla promozione del territorio e sulla conservazione e divulgazione del patrimonio immateriale legato all’enogastronomia in quanto nata come naturale evoluzione dell’esperienza “Irpinia Mood”, associazione impegnata nell’organizzazione di un food festival nella città di Avellino e di altri eventi di promozione della filiera enogastronomica irpina in diversi paesi della provincia sin dal 2014", spiega Graziano.

Per il 2023 la startup ha già pubblicato il calendario dei suoi eventi: dal 21 al 25 aprile si svolgerà la prima edizione de La Repubblica delle Bolle, evento che vedrà protagoniste le bollicine; dal 20 al 22 maggio torna Acino con una selezione di vini di piccoli produttori sensibili alla produzione sostenibile; dal 7 al 16 luglio nasce un nuovo evento con un focus sulla birra artigianale internazionale; e dal 31 agosto al 3 settembre arriva la settima edizione di Irpinia Mood, la manifestazione che esalta le migliori produzioni irpine. Gli eventi, pur avendo ciascuno una propria sede, saranno tutti collegati alla programmazione delle attività all'interno del progetto Avellino Scalo.

In un contesto di totale riuso di spazi originali, verranno calate nuove funzioni che riaccenderanno la luce sul quartiere di Borgo Ferrovia con l’apertura di un polo enogastronomico irpino, che prevederà un’enoteca provinciale, una caffetteria, una food court – una moderna rivisitazione del dopolavoro ferroviario –, un centro culturale e una agenzia di comunicazione specializzata nel food&beverage per rendere nuovamente attrattivo il quartiere e accompagnarlo verso un nuovo sviluppo, stavolta sostenibile, green e a basso impatto ambientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrovia, dal degrado al futuro: nasce Avellino Scalo
AvellinoToday è in caricamento