menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza inquinamento, Più Europa lancia l'appello alle istituzioni locali

La nota: "Le istituzioni non nascondano la testa sotto la sabbia"

In un comunicato inviato a mezzo stampa, Più Europa Avellino esorta l'amministrazione comunale e, in particolare, il sindaco di Avellino Gianluca Festa a intervenire sull'emergenza inquinamento che, nel primo mese dell'anno 2020, è ritornata a essere un tema preponderante in città.

Il comunicato di Più Europa

"Il Sindaco Festa ha ragione: c'è una emergenza inquinamento in tutta Italia, "Avellino è una conca" e il solo traffico veicolare non è l'unica fonte di inquinamento. Tutto vero, ma, proprio per questi motivi, chi guida una città con queste caratteristiche dovrebbe adottare dei provvedimenti doppiamente efficaci rispetto a quelli degli altri. Egli rappresenta la massima autorità sanitaria sul territorio e di fronte ad una emergenza sanitaria in atto dovrebbe adottare tutti i provvedimenti possibili e non assoggettare alle proprie emozioni e sentimenti la salute dei suoi concittadini. Chiediamo dunque al sindaco Festa di rivedere immediatamente le sue posizioni ed intervenire tempestivamente. Prima di raggiungere i 35 sforamenti annuali consentiti dalla legge e, soprattutto, prima che dalle ordinanze si passi a parlare dei problemi di salute delle persone. Allo stesso tempo chiediamo di riprendere in considerazione il protocollo di intesa voluto dal commissario Priolo: un atto che, quantomeno in termini di approccio al tema, sembrava aver finalmente indicato la retta via, e che oggi sembra del tutto ignorato. A tal proposito ci interroghiamo anche sul silenzio della Prefettura, istituzione presso la quale il protocollo di cui sopra è stato adottato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento