Altri licenziamenti all'Ema di Morra, Zaolino: "Situazione preoccupante"

Il segretario generale della Fismic irpina ha dichiarato inaccettabile la scorrettezza nei confronti dei lavoratori

Situazione preoccupante alla Ema di Morra de Sanctis, nonostante il blocco dei licenziamenti varato recentemente dal Governo Nazionale e l’ accordo interno con le Organizzazioni Sindacali che hanno rinunciato ad una parte importante del salario per difendere l'occupazione, la Direzione Aziendale ha licenziato altri 5 operai portando il totale negli ultimi mesi a 18 di cui il 50%  donne. 

"Siamo di fronte ad una provocazione e ad una scorrettezza inaccettabile" dichiara il Segretario generale della Fismic irpina Giuseppe Zaolino, che insieme alle altre organizzazioni sindacali passa al contrattacco chiedendo un incontro urgente all'Unione Industriali minacciando di ritirare la firma dall'accordo di “Garanzia Occupazionale” che ha consentito all'azienda un risparmio economico importante. 

Bisognerà chiarire anche la nuova strategia degli inglesi che in prossimità dell'uscita dall'Unione Europea potrebbero riportarsi in casa alcune lavorazioni importanti( pale per il settore militare) indebolendo la fabbrica di Morra De Sanctis e mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • Guida Michelin, tra vecchie e nuove stelle ecco i migliori ristoranti campani

  • Fabrizio Corona rompe il silenzio sul matrimonio: la presunta moglie è avellinese

  • Nuovo Dpcm 3 dicembre: lo stop ai parenti e le deroghe per residenza e domicilio nelle regole di Natale 2020

  • Rinasce il Mercatone, inaugura il supermercato: maxi parcheggio e aree verdi

  • In Campania è stato raggiunto il picco dei contagi

Torna su
AvellinoToday è in caricamento