rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Attualità

Scuola, le Regioni chiedono la didattica a distanza: scontro con il Governo

Per i ministri competenti la scuola è "il luogo più sicuro"

Il Governo lavora perché la scuola continui a restare in presenza, ma le Regioni sembrano non essere d'accordo e chiedono di puntare forte sulla didattica a distanza. L'ultimo scontro sul tema si è consumato ieri. Da un lato la ministra Azzolina che sostiene: "La scuola è un luogo sicuro. Stiamo ultimando il monitoraggio sui contagi a scuola sulla quarta settimana e c'è poca crescita, il tendenziale è lo stesso delle settimane precedenti. Con questi dati dovrei lasciare gli studenti a casa? Spiaceche qualcuno pensi che studenti e studentesse possano essere sacrificabili".

Le Regioni puntano sulla didattica a distanza

Le ragioni della ministra sono avallate dal collega alla Salute Speranza, ma trovano l'opposizione della Conferenza delle Regioni: I governatori puntano il dito soprattutto sulla questione trasporti, visti i tanti episodi di sovraffollamento registrati su bus e metropolitane in queste settimane. Ma la scuola non va chiusa e il ministro Speranza replica: "I giovani hanno pagato un prezzo enorme con la chiusura di scuole e università e ora dobbiamo provare ad alzare la soglia di attenzione. Rispetto a marzo-aprile il contagio è presente in tutto il Paese. Lavoriamo per evitare le misure più drastiche, dobbiamo lavorare per sfruttare il vantaggio che abbiamo rispetto ad altri Paesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, le Regioni chiedono la didattica a distanza: scontro con il Governo

AvellinoToday è in caricamento