De Luca nel mirino delle Iene: sulle tracce dei bimbi che bevono latte al Plutonio

I piccoli campani hanno consegnato un video messaggio al presidente: "Lo sappiamo che vuoi proteggerci, ma vogliamo tornare a scuola per imparare le cose"

Le Iene Stefano Corti e Alessandro Onnis si sono messi sulle tracce della mamma derisa dal presidente Vincenzo De Luca perché ai suoi bimbi mancava la scuola.

Le parole del presidente 

"L'unica bambina d’Italia che piange per andare a scuola, un ogm cresciuta dalla mamma con latte al plutonio - aveva esordito il Governatore. 

La risposta della mamma

In realtà la madre in questione non ha una bambina, ma due figli e i suoi bambini non sanno neanche cos'è il latte al plutonio. 

 “Ci sono rimasta male quando ho letto queste dichiarazioni perché così offendi tutti”, dice Arianna,ai microfoni di Italia 1. E i suoi bambini non sono gli unici a cui manca la scuola!

Il video messaggio 

Le Iene infatti hanno intervistato una decina di studenti desiderosi di tornare in classe per le ragioni più svariate. Un desiderio filmato da Corti e Onnis in un videomessaggio per il presidente De Luca consegnato agli uffici della Regione con su scritto:

Da parte di Annachiara e di tutti i bambini della Campania in modo che possiate capire la nostra voglia di tornare a scuola”.

Nel video messaggi simpatici e carini tra cui spicca: ""Lo sappiamo che vuoi proteggerci, ma vogliamo tornare a scuola per imparare le cose". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • Guida Michelin, tra vecchie e nuove stelle ecco i migliori ristoranti campani

  • Fabrizio Corona rompe il silenzio sul matrimonio: la presunta moglie è avellinese

  • Nuovo Dpcm 3 dicembre: lo stop ai parenti e le deroghe per residenza e domicilio nelle regole di Natale 2020

  • Rinasce il Mercatone, inaugura il supermercato: maxi parcheggio e aree verdi

  • In Campania è stato raggiunto il picco dei contagi

Torna su
AvellinoToday è in caricamento