Coronavirus, le Asl nel mirino di De Luca: "Subito nuovi posti letto"

Il presidente campano ha chiesto di potenziare anche il personale ospedaliero

Nonostante in Campania i nuovi contagi siano in calo, la situazione degli ospedali sembra già avviata verso il collasso soprattutto nel napoletano. 

La tensione a Palazzo Santa Lucia è molto alta e il governatore Vincenzo De Luca mette nel mirino le Asl chiedendo subito nuovi posti letto.

Come riportato dall’edizione odierna de Il Mattino, nella giornata di ieri – lunedì 12 ottobre – l’Unità di Crisi campana ha tenuto una riunione con la Protezione civile nazionale e il Ministero della salute in merito alla richiesta di medici e infermieri per far fronte all’aumento dell’epidemia.

A preoccupare dunque non è solo la questione dei posti letto, ma anche il numero deficitario di medici e infermieri. Il Governatore ha infatti ribadito come negli ultimi anni siano diminuiti in Campania di 13 mila unità gli addetti sanitari. Secondo De Luca servono al più presto 800 medici e 600 infermieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando finirà la zona rossa in Campania: si rischia una settimana in più

  • Coronavirus, l'indice Rt di Avellino è quasi il doppio di quello di Napoli

  • Guida Michelin, tra vecchie e nuove stelle ecco i migliori ristoranti campani

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i positivi di oggi: altri 13 ad Avellino

  • Coronavirus in Irpinia, sono 115 i positivi di oggi: altri 19 ad Avellino

  • Colti da sintomi febbrili, chiamano l'Asl di Avellino per il tampone ma non risponde nessuno

Torna su
AvellinoToday è in caricamento