Cittadinanza onoraria di Grottaminarda a Gentile: "Rfi è citata in causa nel processo Isochimica"

La nota di Tony Della Pia (Rifondazione Comunista): "Riteniamo inopportuna questa cerimonia in onore di uno dei rappresentanti di un'azienda che ha portato ingiustizia e morte"

È attesa nelle prossime ore la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Grottaminarda all'amministratore delegato, nonché commissario straordinario per l'alta velocità Bari - Napoli, Maurizio Gentile.

Della Pia: "Rfi è parte in causa citata nel processo Isochimica"

La presenza dell'ad di Rfi a Grottaminarda ha provocato qualche malumore. In una nota, Tony Della Pia (Rifondazione Comunista) ha commentato così l'arrivo in Irpinia del dirigente: 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non entriamo nel merito della questione pur nutrendo notevoli perplessità, le nostre osservazioni riguardano il rapporto tra Rfi e l'irpinia nella fattispecie ricordiamo che e' in corso un processo penale inerente alla vicenda ex isochimica in cui l'azienda che l'A.d. rappresenta e' parte in causa citata dai legali degli ex scoibentatori per i gravi danni provocati durante gli anni ottanta dalle ex ferrovie dello stato, oltremodo chiariamo che recentemente, in sede civile Rfi e' stata giudicata responsabile dei fatti, gli uffici legali dell'attuale cda guidato dal Gentile hanno presentato ricorso avverso impedendo ai lavoratori di ottenere giustizia. Riteniamo tutto ciò molto grave, la scelta fatta legittima e sostiene l'atteggiamento criminoso consumatosi circa trent'anni fa. Riteniamo doveroso che il Sindaco di Grottaminarda i suoi colleghi dell'Unione comuni terre d'ufita, il prefetto di Avellino , il presidente della regione Campania e i parlamentari regionali e nazionali chiedano conto di quest'ennesimo sopruso consumatosi contro gli operai , le loro famiglie e l'intera irpina. Noi pensiamo inopportuno consegnare le chiavi di una delle citta' irpine nelle mani di chi rappresenta un'azienda che ha prodotto male, ingiustizia e morte e che continua ad umiliare la dignità collettiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scatta il nuovo Dpcm: ecco cosa si può fare dopo le 18.00

  • Autocertificazione, ecco il nuovo modulo da scaricare

  • Decathlon Mercogliano, partono i colloqui di lavoro per l'imminente apertura

  • Mentre a Napoli monta la rivolta, Avellino si svuota alle 23.00

  • In Campania divieto di andare nelle seconde case, ma ok agli spostamenti regionali

  • Carmela Faggiano è stata ritrovata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento