rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità

Cia Campania chiede la proroga della stagione venatoria per i cinghiali fino al 31 gennaio

L’organizzazione scrive all’assessore all’agricoltura Nicola Caputo: “Registriamo avvistamenti continui nei campi e nei centri abitati, con danni alle colture e alle casse della Regione per sinistri stradali”

Cia Campania chiede la proroga della stagione venatoria per i cinghiali fino al 31 gennaio 2022.

La richiesta firmata dal presidente Alessandro Mastrocinque è stata inoltrata all’Assessore all’Agricoltura, Caccia, Pesca On. Nicola Caputo, e alla Direttrice Generale dell'Assessorato all’Agricoltura Regione Campania Maria Passari.

La Confederazione Italiana Agricoltori della Campania sottolinea il grave rischio a cui sono sottoposte le aree rurali per una presenza esponenziale dei cinghiali. Infatti agli avvistamenti continui nei campi si aggiungono quelli nei borghi e nei centri abitati, causando non poche difficoltà per l'agricoltura quanto per la sicurezza. In particolare l'organizzazione considera la forte esposizione debitoria dell’ Ente Regione per i danni causati dai cinghiali alle colture e ai sinistri stradali; e un rischio sanitario elevato per le persone e soprattutto per le aziende zootecniche suinicole.

Alla luce dell'approvazione da parte della Regione Campania del Piano di Controllo al cinghiale e della definizione dell'attuazione, Cia Campania chiede di prorogare il periodo venabile per la specie cinghiale al 31 gennaio 2022.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cia Campania chiede la proroga della stagione venatoria per i cinghiali fino al 31 gennaio

AvellinoToday è in caricamento