menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abbattimento delle casette antisismiche di Aquilonia, Iannone e Barbaro (FdI) chiedono l'intervento di Franceschini

"Tali abitazioni nel comune di Aquilonia, allo stato si trovano sicuramente in una situazione di oggettivo degrado, ma restano pur sempre, tanto per citare il primo parere della Sovrintendenza 'episodi edilizi consolidati nell'immaginario collettivo come esempio di identificazione storico - culturale'"

Premesso che Aquilonia (Avellino) è un piccolo comune di quel lembo d'Irpinia chiamata "Irpinia d'Oriente"; questo comune vede la sua peculiarità nell'evento sismico del 1930, il terribile terremoto del Vulture, che colpì duramente Aquilonia, Bisaccia e Lacedonia; un evento terribile per le dimensioni drammatiche di morte e distruzione, infatti Aquilonia fu completamente ricostruita in un altro sito e le rovine del paese vecchio (l'antica Carbonara) sono diventate un parco archeologico, all'interno del quale è stato allestito un importante museo etnografico; quell'evento sismico vide anche una significativa risposta dello Stato, che in 90 giorni esatti, attraverso l'opera meritoria ed universalmente riconosciuta del ministro dei Lavori pubblici, Araldo di Crollalanza, riuscì a dare definitivamente un tetto a tutti i cittadini rimasti senza casa, attrezzando nei paesi colpiti le cosiddette "casette asismiche", costruite con grande ed avanzata scienza ingegneristica, restituendo velocemente dignità alle comunità delle aree rurali interne irpine, lucane e daune; in molti comuni colpiti dal terremoto del Vulture c'è ancora la testimonianza delle casette asismiche, che hanno resistito sia al terremoto del 1962, che a quello del 1980; tali abitazioni nel comune di Aquilonia, allo stato si trovano sicuramente in una situazione di oggettivo degrado, ma restano pur sempre, tanto per citare il primo parere della Sovrintendenza "episodi edilizi consolidati nell'immaginario collettivo come esempio di identificazione storico - culturale, uno degli ultimi esempi di edilizia sociale dei primi decenni del XX secolo inserito nel dibattito architettonico europeo sul tema dell'abitazione minima e, dal punto di vista strutturale, della sicurezza antisismica"; il 6 giugno 2019 la Soprintendenza, anche sollecitata da molti intellettuali, come Vinicio Capossela a Franco Arminio, ritiene sussistenti i presupposti per il vincolo ma, incredibilmente, dopo appena due mesi la stessa Soprintendenza dichiara insussistente l'interesse culturale per alcuni fabbricati di analoga fattura siti nel comune di Villanova del Battista e per questo, immediatamente, viene cambiato parere anche per Aquilonia, dove il sindaco cogliere la palla al balzo per procedere alla demolizione di un pezzo della nostra storia architettonica, statuale, antropologica ed etnografica, si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti descritti in premessa e dei motivi per i quali la Soprintendenza sia stata spinta a formulare, con ritardi parossistici, pareri così contraddittori, addirittura opposti; se ritenga che sia necessario tutelare e valorizzare un patrimonio che è identità viva della popolazione, anziché distruggerlo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Attualità

Ciclo vaccinale completo: la Campania ultima regione d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento