A Caposele "Le Pietre della Memoria" per ricordare il terremoto del 1980

Ecco il progetto a cura dell'amministrazione comunale e della Pro Loco Caposele

Il Comune di Caposele e la Proloco Caposele presentano il progetto "Le pietre della Memoria" per celebrare il quarantennale del terremoto del 1980 insieme a tutta la comunità.

Il progetto punta a lavorare sulla memoria collettiva attraverso le nuove tecnologie e il giusto mix tra l'online e l'offline, anche per permettere una giusta celebrazione dell'anniversario in piena pandemia da COVID19.

L'obiettivo è quello di tramandare alle future generazioni la memoria storica dei cittadini di Caposele attraverso 15 video interviste di 3/5 minuti in cui ognuno racconta la propria storia ed esperienza rispetto alla tragedia, per sensibilizzare, informare e rendere consapevoli coloro che non hanno vissuto quel periodo, dell'importanza della prevenzione e della consapevolezza di vivere in un territorio ad alto rischio sismico.

Le interviste saranno disponibili sul canale youtube della Proloco Caposele e, soprattutto, fruibili nei punti più significativi del Comune di Caposele e della frazione di Materdomini attraverso 15 Pietre della Memoria installate nei seguenti indirizzi:

Caposele

Piazza Di Masi 

Corso Europa

Piazza XXIII Novembre

Piazza Dante

Via Garibaldi

Via Castello

Piazza Sanità

Piazza F. Tedesco 

Via Piedigrotta

Via Cantiere EAAP

Via San Gerardo 

Materdomini 

Corso S.Alfonso

Via Santuario

Piazza del Santuario

Allo stesso tempo sarà presente anche una "pietra madre" che racconta tutta l'iniziativa e il funzionamento del percorso. 

Su ogni pietra sarà presente un QRCode attraverso il quale sarà possibile accedere, scansionandolo, al video dedicato al luogo in cui la pietra è installata che, attraverso le parole di chi viveva in quel quartiere il 23 novembre 1980, racconta ciò che è stato.

Di fatto una mappa della memoria collettiva fruibile online e offline per tramandare, rivivere, ricordare e agire per prevenire, rispetto ad un evento che ha segnato la storia di Caposele.

Tutto il progetto sarà poi presente anche sui sito web turistico ufficiale del Comune di Caposele www.visitcaposele.it e sul sito della Proloco Caposele www.prolococaposele.it

Nella giornata del 23 novembre, inoltre, attraverso la collaborazione con Web Radio Corrente Sele (su www.radiocorrentesele.it), per tutta la giornata si potranno ascoltare gli audio dei video e ripercorrere la storia di quella giornata attraverso le parole dei Caposelesi.  

Durante la giornata, è previsto anche un momento ufficiale in cui saranno scoperte la targa commemorativa del quarantennale da parte dell'Amministrazione Comunale, e la pietra madre del progetto insieme al presidente della Proloco. 

"Abbiamo voluto costruire un progetto dedicato alla memoria che potesse essere fruito anche in questo periodo di pandemia dove non è possibile celebrare fisicamente con la Comunità questa ricorrenza" dichiara il Consigliere delegato al Turismo Ernesto Donatiello,  "soprattutto perché  è un progetto che può essere visto singolarmente attraverso la scansione del QrCode senza rischio di assembramenti e, cosa molto importante, anche a casa ascoltando RadioCorrenteSele e collegandosi al canale Youtube predisposto per l'iniziativa. Allo stesso tempo quando tutto questo sarà finito avremo un percorso della memoria che rimarrà alle future generazioni, a testimonianza di quello che è stato e a monito di quello che sarà. Io l'ho voluto fortemente perchè è giusto che anche i giovani sappiano e che gli anziani ricordino e tramandino, anche attraverso mezzi inusuali e tecnologie nuove. Ringrazio il Sindaco, la Giunta e il Consiglio Comunale tutto per aver supportato e finanziato l'iniziativa, ma ringrazio anche la Proloco e tutti i ragazzi che hanno realizzato uno splendido lavoro in pochissimo tempo. Sono convinto che con questo nuovo direttivo della Proloco si potrà realizzare molto".

Esprime  soddisfazione anche il Presidente della Pro Loco Daniele Caprio  "in primis sembra doveroso ringraziare il team composto da giovani competenti e pieni di entusiasmo che, in un mese di lavoro, sacrificando il loro tempo libero, hanno dato vita a questo progetto unico e di grande impatto, anche emotivo, con assoluta abnegazione e perizia.  La genesi, lo sviluppo e la realizzazione di un evento commemorativo che potesse ricordare ed essere tramandato alle future generazioni, attraverso  volti  e testimonianze reali, una vicenda talmente drammatica che ha modificato il destino della nostra comunità, ha preso spunto dalle pietre d' inciampo presenti nel quartiere ebraico di Roma.  Le pietre della memoria sono apparse fin da subito una soluzione moderna  ed efficace, attraverso reminiscenze e persone impresse nelle strade, vicoli e luoghi storici del nostro paese, per trasmettere alla comunità un sentimento tangibile e duraturo.

Ringrazio l' amministrazione comunale per la fiducia, il supporto  ed il finanziamento del progetto.  Non mancherà anche in futuro il nostro impegno e la volontà di servire il nostro amato paese nel miglior modo possibile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione, rossa e gialla: le Regioni che cambieranno colore prima di Natale

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • Nuovo Dpcm 3 dicembre: lo stop ai parenti e le deroghe per residenza e domicilio nelle regole di Natale 2020

  • Fabrizio Corona rompe il silenzio sul matrimonio: la presunta moglie è avellinese

  • Rinasce il Mercatone, inaugura il supermercato: maxi parcheggio e aree verdi

  • Zona rossa, scade l'ordinanza: la Campania confida nel cambio colore

Torna su
AvellinoToday è in caricamento