rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Attualità

Dalla Rosa d'Oro all'Annuario dei Migliori Vini Italiani, nuovi successi per la Cantina De Stefano

Ma non è questa l’unica novità che arriva dalla cantina di Paternopoli, la quale da sempre lavora con passione, qualità e innovazione per portare in tavola tutto il buono dei vigneti irpini

Il “Bochè” Irpinia Rosato DOC della cantina Francesco De Stefano si è aggiudicato la Rosa d’Oro della Guida al Bere Rosa, Concorso Enologico Nazionale dedicato ai vini rosati.
L’eleganza si nota già dal nome. “Bochè”, scelto per il rosato protagonista della grande guida nazionale, deriva da un antico corallo giapponese di colore rosa a cui, in passato, nessuno dava particolare importanza, poiché si credeva non avesse valore. Con il tempo, che come si sa rivela la vera essenza di ogni cosa, ha ottenuto il prestigio che merita. Proprio come il “Bochè” Irpinia Rosato DOC di Francesco De Stefano, che continua ad ottenere il successo che merita, con il suo colore rosa tenue brillante e un bouquet olfattivo di fragranze fruttate di ciliegia e melograno. Con la sua piacevole freschezza, si abbina perfettamente ad antipasti e piatti a base di pesce. 
Ma non è questa l’unica novità che arriva dalla cantina di Paternopoli, la quale da sempre lavora con passione, qualità e innovazione per portare in tavola tutto il buono dei vigneti irpini.
Uno degli ultimi prodotti Francesco De Stefano, il “Vetus 13” Campania Rosso IGT, blend vinificato al 70% con uve Irpinia Aglianico e 30% Aglianico del Taburno , si è aggiudicato ben 94 punti nella degustazione del famoso critico ed esperto di vini Luca Maroni, entrando a far parte, come il Taurasi DOCG 2017 e l’Irpinia Campi Taurasini DOC 2018 a marchio Francesco De Stefano, dell’Annuario dei Migliori Vini Italiani. Sale così a 7 il numero dei vini firmati Francesco De Stefano, tra bianchi, rossi e rosati, menzionati nell’Annuario di Maroni, considerato una delle selezioni più importanti e dettagliate del panorama vitivinicolo italiano.
Per questo corposo rosso la scelta del nome dona importanza alle origini, fondamentali per chi sceglie di lavorare nel mondo del vino. “Vetus”, dal latino antico, è il nome che lo stesso Francesco De Stefano, giovane produttore irpino che ha dato vita all’azienda imparando dalle tradizioni ma con lo sguardo sempre rivolto al futuro, ha scelto per celebrare il Campania Rosso vinificato in purezza con uve Aglianico, il capostipite dei vitigni irpini. Il 13, invece, oltre ad essere il numero associato alla buona sorte, richiama la gradazione alcolica di questo vino, che già nel nome rivela il suo carattere intenso e versatile.
Un vino attraente, con sentori spiccati di amarena, more, prugne secche e un leggera presenza di spezie dolci. In chiusura, lascia una nota gradevole di frutto concentrato. Si abbina piacevolmente a primi piatti robusti, insaccati, arrosti di maiale, ma anche piatti vegetariani conditi con salse ricche e saporite, e ricette delicatamente speziate. Caratteristiche organolettiche che hanno esaltato il palato del noto critico Maroni e contribuito al nuovo successo ottenuto.
Non poteva andare meglio di così l’estate della cantina Francesco De Stefano che porta a casa altri due riconoscimenti importanti, in vista di una nuova vendemmia e di un autunno pieno di novità e vini da degustare, apprezzando tutto il meglio di una terra generosa come l’Irpinia.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Rosa d'Oro all'Annuario dei Migliori Vini Italiani, nuovi successi per la Cantina De Stefano

AvellinoToday è in caricamento