menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cancro al fegato, straordinario intervento chirurgico di un medico irpino

Il professor Umberto Cillo ha optato per un innovativo intervento chirurgico che si è svolto in due tempi

Umberto Cillo, medico originario di Pietradefusi, Direttore della Chirurgia Epatobiliare e dei Trapianti Epatici dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova, ha operato un 47-enne affetto da metastasi epatiche multiple e da tumore del colon, giudicato inoperabile per l’elevato numero di metastasi diffuse all’interno dei vari segmenti del fegato. Si tratta di una prima volta al mondo di un intervento di questo tipo, 'composto' in più fasi.

Il professor Umberto Cillo ha optato per un innovativo intervento chirurgico che si è svolto in due tempi. Nel primo intervento un piccolo frammento di fegato donato da un familiare è stato trapiantato a fianco del fegato malato. Dopo la crescita del frammento donato, che in 17 giorni ha raggiunto un volume tale da sostenere la vita, nel secondo intervento il fegato metastatico del paziente è stato rimosso con tecnica mini-invasiva in videolaparoscopia.
    Il team di esperti composto da oltre 20 persone specializzate ha eseguito l'intervento combinando tre tecniche chirurgiche di alta specializzazione: l'asportazione di metà del fegato affetto da metastasi; il trapianto in posizione ausiliaria della porzione di fegato donato (a fianco del fegato malato) e, infine, l'asportazione in videolaparoscopia del fegato malato residuo dopo aver ottenuto una rigenerazione fino ad oltre il doppio del volume della porzione del fegato donato.

L'intervento è iniziato alle 8 ed è finito alle 2 di notte del giorno successivo.
Fino ad oggi il trapianto da vivente veniva eseguito usando almeno il 60-65% della massa epatica del donatore con significativo aumento del rischio. Nella sala operatoria vicina, è stata eseguita in contemporanea l'asportazione del lobo sinistro del fegato del ricevente. E' stato eseguito un trapianto di fegato ausiliario da donatore vivente con tecnica Rapid durato 15 ore.
A distanza di 15 giorni con una Tac è stato eseguito il calcolo volumetrico del fegato donato dopo la rigenerazione: il fegato trapiantato dopo incubazione e rigenerazione aveva raggiunto più del doppio del volume iniziale dimostrando di essere funzionalmente sufficiente a sostenere la vita del paziente. Si è quindi eseguito, 17 giorni dopo, il secondo intervento durato sei ore e svolto interamente con tecnica mini-invasiva videolaparoscopica ed è consistito nell'asportazione del fegato malato residuo. Con tecnica mini -invasiva per via videolaparoscopica è stato rimosso il lobo destro malato lasciando in sede solo il lobo sinistro trapiantato da donatore vivente, incubato e rigenerato, per la prima volta al mondo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, nuovo decesso al Frangipane: morto un 82enne

  • Salute

    Covid, parlare trasmette il virus quanto tossire

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento