menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche la Campania tra le regioni che sperano nella "zona gialla" prima di Natale

Anche altri territori restano in attesa. Cosa succederà realisticamente nei prossimi giorni? Chi dirà addio alla zona arancione prima della fine del 2020?

Zona gialla prima di Natale? Ormai forse è un miraggio per alcune Regioni, visto che il governo pensa a nuove restrizioni in occasione delle Feste di fine anno. Ma non è detta l'ultima parola. Quale è la situazione oggi come oggi in Italia? Da ieri, domenica 13 dicembre 2020, Lombardia, Piemonte, Calabria e Basilicata passano dalla zona arancione alla gialla. C'è chi dice no, o almeno ci prova. La guida dem della Toscana parla di palese disparità di trattamento. Marsilio per l'Abruzzo "indica un percorso" verso l'allentamento della stretta. 

Da ieri di fatto non c'è nessuna Regione in zona rossa e soltanto quattro, più la Provincia Autonoma di Bolzano, sono in zona arancione: Abruzzo, Campania, Toscana e Valle d’Aosta.

La Campania rimane zona arancione

La Campania è arancione. Ma con qualche zona rossa. Il presidente della Giunta regionale  Vincenzo de Luca ieri però ha prorogato fino al 19 dicembre la "zona rossa" per il campo Rom di Napoli (Circumvallazione Esterna). Il provvedimento per il contenimento dei contagi sarebbe scaduto alla mezzanotte di oggi, ma in virtù della nuova ordinanza resterà in vigore e il campo continuerà ad essere presidiato dalle forze dell'ordine. Dunque i cittadini aventi residenza, domicilio o dimora presso il campo hanno l'obbligo di isolamento domiciliare, con divieto di allontanamento dalle proprie abitazioni, fatte salve esigenze sanitarie o connesse all'acquisizione di generi di prima necessità. Il Comune di Napoli, d'intesa con l'Unità di Crisi regionale e con il supporto della Protezione civile e del volontariato, assicura ogni forma di assistenza ai cittadini del campo, fanno sapere dalla Regione, anche attraverso la somministrazione di derrate alimentari e generi di prima necessità per tutta la durata di efficacia del presente provvedimento.

Il cambio di colore con il passaggio alla fascia gialla per la Campania è un'ipotesi dal prossimo weekend, se ci si basa sulla regola imposta dal governo secondo cui devono passare almeno due settimane di permanenza in una fascia per poter cambiare colore. La Campania potrà quindi cambiare colore, da arancione a giallo, orientativamente dal 20 dicembre, il giorno prima che entrino in vigore le misure restrittive nazionali sugli spostamenti, per contenere la diffusione del virus nelle feste di Natale. Ma anche qui: un eventuale, sempre più probabile, provvedimento dell'esecutivo via Dpcm avrebbe valenza a livello nazionale, disinnescando di fatto il passaggio in zona gialla.

Le differenze tra zona gialla e zona arancione

In zona gialla ci si può spostare liberamente, anche se si raccomanda di non farlo se non per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività? o usufruire di servizi non sospesi. Tuttavia, c’è il coprifuoco dalle ore 22.00 alle 5.00 del giorno successivo: in questa fascia oraria è vietato spostarsi, se non per comprovate esigenze. Inoltre, i mezzi pubblici devono avere la metà dei posti liberi, bar e ristoranti possono restare aperti fra le ore 05.00 e le 18.00 ed i centri commerciali sono chiusi nei weekend.

In zona arancione esistono invece forti restrizioni agli spostamenti: è consentito spostarsi, ma soltanto all’interno del proprio Comune, dalle ore 05.00 alle 22.00 e senza necessità di motivare lo spostamento (dunque non bisogna avere con sé l’autocertificazione). Dalle ore 22.00 alle 5.00 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Inoltre, sono vietati 24 ore su 24 gli spostamenti verso altri Comuni e altre Regioni, se non per comprovate esigenze. Inoltre, i ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto, con orario dalle 05.00 alle 22.00, e per la consegna a domicilio, consentita senza limiti di orario. Sono aperti concessionari di auto e moto, officine, gommisti, ricambisti e autolavaggi.

Leggi la notizia su Today.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento