menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pericolo frane, Chianche è troppo fragile per il biodigestore

La nota ufficiale del coordinamento "No al Biodigestore, si al Greco di Tufo"

La Strada Statale “88” , in località “Stretto di Barba”, nel comune di Chianche, praticamente nell’area dove è ipotizzata la costruzione del mega biodigestore, è stata interessata da un movimento franoso che ha provocato la caduta  di massi sulla carreggiata, alcuni dei quali hanno investito un’automobile, per fortuna senza conseguenze per le persone,  e prodotto le necessarie misure di messa in sicurezza dell’asse viario ad opera delle forze dell’ordine e del personale dell’ANAS.
Questa è esattamente l’area che dovrebbe interessare l’eventuale costruzione del biodigestore di Chianche, già nota per i ripetuti fenomeni franosi che l’hanno investita  con conseguente chiusura al traffico per la messa in sicurezza dei luoghi. 

I Sindaci dell’area del “Greco di Tufo” hanno evidenziato tale seria problematica in modo documentato nel ricorso al TAR e in altri sedi istituzionali e il Coordinamento ha ribadito la inopportunità di tale localizzazione anche per questi oggettivi e incontestabili motivi, che gli attuali fatti di cronaca, purtroppo, confermano come luogo a forte rischio idrogeologico e tra i più esposti della nostra provincia. 
Ci auguriamo che gli organi competenti si rendano conto che sconvolgere una intera zona fragile  come quella prescelta per la localizzazione del biodigestore, è un azzardo  che nuoce non solo all’economia vitivinicola e alla salute ambientale della zona ma anche alla sostenibilità di un territorio che andrebbe contenuto e salvaguardato e non aggredito in modo sconsiderato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sono cinque le regioni che dal 10 maggio cambieranno colore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento