Ciampi (M5S) contro il Biodigestore: "Chiarezza alla popolazione"

Il candidato alle regionali con il Movimento 5 Stelle continua a ribadire il suo dissenso nei confronti della decisione di Ato e si scaglia contro i consiglieri regionali uscenti

Vincenzo Ciampi, ex sindaco di Avellino e candidato alle prossime Elezioni Regionali in Campania con il Movimento 5 Stelle, ribadisce il suo dissenso nei confronti del Biodigestore di Chianche e accusa i consiglieri regionali uscenti per non aver affrontato adeguatamente il tema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco le dichiarazioni del candidato pentastellato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Convintamente credo che vadano date risposte di chiarezza alla popolazione. Innanzitutto perché si tratta di un tema che riguarda la gente comune, quella che paga la tassa sui rifiuti, fa la differenziata e ha interesse ad un ambiente salubre. Ovviamente, ribadisco che il sito di Chianche è sbagliato, perché un impianto industriale deve andare in una zona industriale e non in zona vocata alla vitivinicoltura di pregio come quella del Greco di Tufo. Inutile dire che il livello regionale se n'è lavato le mani, trincerandosi dietro alle responsabilità dei territori e alle procedure delle amministrazioni locali a ciò titolate. Insomma, quando si tratta di creare posti di potere e fare propaganda, la Regione ci mette il cappello, quando si tratta di fare scelte strategiche, nicchia, se ne sbatte. I consiglieri regionali uscenti sono i don Abbondio dell'ambientalismo: quelli di maggioranza (a differenza dei Cinque Stelle) non hanno prodotto nemmeno un atto ufficiale, un'interpellanza, un'interrogazione, in Consiglio sull'argomento. Con che faccia si ripropongono? Qual è la loro ricetta? Un po' di coraggio dovrebbe portare a scegliere definitivamente, con un chiaro coinvolgimento delle popolazioni interessate. Il sito può essere una qualsiasi area industriale attrezzata di cui la provincia abbonda; deve essere facilmente raggiungibile e soprattutto deve essere sicuro. L'impianto deve essere moderno, progettato da specialisti (non dagli amici degli amici), rigorosamente testato, che faccia risparmiare risorse pubbliche e riduca i costi per i cittadini, chiudendo definitivamente il ciclo dei rifiuti. Io in piazza vado a dire questo, non a fare passerelle".

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scatta il nuovo Dpcm: ecco cosa si può fare dopo le 18.00

  • Mentre a Napoli monta la rivolta, Avellino si svuota alle 23.00

  • Lockdown morbido, nuove chiusura entro il 9 novembre

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i contagi di oggi: 12 soltanto ad Avellino

  • Carmela Faggiano è stata ritrovata

  • Coronavirus, pizzeria avellinese chiude in via precauzionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento