Alto Calore, recuperati solo 4 milioni di crediti: Ciarcia lancia la gara per un nuovo gestore

Chiuso il rapporto con Crearci

Una nuova gara per affidare oltre 40 milioni dei crediti di Alto Calore. Questa è l'idea rilanciata dal presidente dell'ente, Michelangelo Ciarcia, dopo la conclusione del rapporto con Crearci (lo scorso 5 giugno):

"Entro settembre vogliamo partire. Questa volta ci aspettiamo di recuperare almeno un cinquanta per cento degli importi".

Motivo del cambio? Dei circa 60 milioni sono stati recuperati, in un anno e mezzo, poco più di 4 milioni, senza dimenticare i crediti ormai inesigibili (intestati a defunti o a nominativi errati) che per forza di cose saranno cancellati dal bilancio della società. "Con Crearci . spiega Ciarcia - non potevano effettuare il recupero dei crediti con le cartelle esattoriali. Chi si rifiutava di pagare non poteva essere perseguito. Invece  la nuova gara sarà volta ad individuare un gestore che possa emettere i ruoli. Crearci ha operato per un periodo limitato. In questo caso, ci vorrà più tempo per realizzare le procedure e conseguire i risultati che ci siamo prefissati. L’aggio del nuovo concessionario, sarà molto più basso di quello percepito dal precedente gestore".

Potrebbe interessarti

  • Senz'acqua fino a domani, ecco i comuni che resteranno a secco

  • Avellino Summer Fest, ecco gli appuntamenti di oggi

  • Addio a Nadia Toffa, il ricordo commosso di Luca Abete: "Non hai mai perso il sorriso, la dignità e la speranza"

  • Anche oggi sospensioni idriche, ecco i comuni che resteranno a secco

I più letti della settimana

  • Gigi Marzullo operato d'urgenza al Moscati

  • La Maccaronara con fonduta di caciocavallo: il piatto 'illegale' di chef Vincenzo Vazza

  • Senz'acqua fino a domani, ecco i comuni che resteranno a secco

  • Morso da una vipera: corsa al Pronto Soccorso per un 30enne

  • Schianto terribile in autostrada, neopatentata 19enne grave al Moscati

  • Sagre, concerti e spettacoli in Irpinia nella settimana di Ferragosto

Torna su
AvellinoToday è in caricamento