AIAS, la nota dei commissari: "Siamo qui per fare il nostro dovere. La istituzioni facciano il proprio"

Riceviamo e pubblichiamo la nota dei commissari per la struttura AIAS di Avellino Antonio, Maurizio Arci e Remo Del Genio

Riceviamo e pubblichiamo la nota dei commissari per la struttura AIAS di Avellino Antonio, Maurizio Arci e Remo Del Genio

L'AIAS di Avellino è ad un bivio. Continuare ad esistere ed assicurare cure ed assistenza a centinaia di pazienti disabili ed alle loro famiglie o chiudere.

La gestione commissariale ha fatto ciò che doveva. Senza attribuire responsabilità
personali o alimentare sterili polemiche, ha ripristinato gli standard tecnologici strutturali ed organizzativi necessari per mantenere l'accreditamento per stare a pieno titolo nel servizio pubblico, ha messo e sta mettendo in atto tutte le azioni per cercare di regolarizzare le posizioni di dipendenti e consulenti, ha riallacciato dialoghi e confronti costruttivi e leali con le Istituzioni.

Oggi sarebbe – anzi è – in condizioni di operare in maniera efficace ed efficiente a patto che anche gli enti del servizio sanitario facciano la loro parte, liquidando con tempestività i crediti per i quali la gestione commissariale - che ha come unico scopo quello di contribuire a rendere il servizio pubblico, per il quale è accreditata, altamente qualificato dal punto di vista socio-sanitario e socio-assistenziale - da tempo propone
una definizione transattiva.

Naturalmente la proposta non comporta una necessaria accettazione ma la straordinarietà della situazione (circa 900 pazienti, 135 operatori tra dipendenti e
consulenti, 277 prestazioni rese ogni giorno) impone, quantomeno, un confronto in
tempi rapidissimi in modo da dare certezze a tutti gli interessati e sul futuro di una
azienda importantissima per i territori. L'alternativa è – come detto – la chiusura. Lo diciamo seriamente e senza demagogici allarmismi. Non abbiamo interessi da coltivare né posizioni di rendita da difendere. Siamo qui per contribuire a mantenere viva una realtà che ha dato tanto in termini di servizi, assistenza, cura, sul piano fisico e psicologico, benessere in termini di livelli occupazionali, volano economico per tutto l'indotto, ed ora per una serie di eventi e congiunture cui sono estranee persone ed ambiti che hanno lavorato senza risparmiarsi rischia di scomparire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Noi commissari abbiamo fatto e continueremo a fare la nostra parte per scongiurare questa ipotesi. Chiediamo che anche le Istituzioni facciano la loro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola, caos e rabbia ad Atripalda: 'volano stracci' tra la dirigente e le mamme

  • Sabato sera di sangue, incidente mortale sul raccordo Salerno-Avellino

  • Incidente mortale sul Raccordo Avellino-Salerno: le immagini del drammatico sinistro

  • Violenta aggressione ad Avellino, dipendente di un bar finisce all'ospedale

  • Sole 365 inaugura ad Avellino, ecco le posizioni di lavoro aperte

  • Incidente mortale, il dolore degli amici di Emanuele

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento