menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il disegno di M. C. Escher ritrovato in Irpinia, una storia che continua ad affascinare

L’Associazione Nazionale A.N.G.S.E.  ha informato  il Presidente del Parlamento Europeo  On. Antonio TAJANI  nonche’ la  Comunita’ Europea   del ritrovamento

L’Associazione Nazionale A.N.G.S.E.  ha informato  il Presidente del Parlamento Europeo  On. Antonio TAJANI  nonche’ la  Comunita’ Europea che,  in  Italia, in Provincia di Avellino e’ stata ritrovata un’Opera d’arte ( un Quadro inedito di M.C. ESCHER 1898-1972 NL ) raffigurante NESSIE il Mostro di Loch Ness.


La storia del ritrovamento inizia nel 2004 a Volturara Irpina, un paesino nell'avellinese, dove vive Raffaele De Feo agente della Polstrada  che, nel ripulire la soffitta di famiglia trova lo “strano quadro”. Inizialmente non gli diede peso ma, successivamente, togliendo la cornice, trova sul retro del foglio sul quale era stato disegnato Nessie e l’uomo nero, una dedica e una firma… "di cuore,  un amichevole ricordo" M. C. Escher.
L’opera in carboncino datata 18 gennaio 1949 ritrae il mostro di Loch Ness, che emerge dalle acque richiamato dalle note di un flauto suonato dall' uomo nero senza volto. Trattasi di un carboncino su carta color paglierino di cm 53 x cm 42 . Il quadro fu  donato alla madre del poliziotto da un’anziana signora svizzera come omaggio per la sua amorevole assistenza. 
IL  TG4 del 12 Aprile 2016 delle ore 18.55  ne  annuncio’ la scoperta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Finalmente riapre il Cinema Partenio di Avellino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento