Animali

Ritorno in ufficio, come superare il distacco dai nostri amici a quattro zampe

Tornare a lavoro dopo un lungo periodo può essere stressante per i nostri pet, vediamo come affrontare il distacco

Le ferie sono finite un po’ per tutti e dopo diversi giorni al mare, o in montagna, è tempo di ritornare alla routine. I pet si sono abituati alla nostra presenza, non è semplice ricominciare con i ritmi di prima e trascorrere meno tempo con loro.

Anche chi ha lavorato finora in smart working, e deve tornare in ufficio dopo un lunghissimo periodo, è costretto ad affrontare lo stesso problema: il distacco dai propri amici a quattro zampe. Un cambiamento di questo tipo rischia di provocare tanta ansia e stress, per il pet e per il padrone stesso, quindi è necessario giocare un po’ d’anticipo. Passare da tanti momenti e spazi condivisi, alle infinite ore in cui siamo lontani dai nostri animali, è un momento complesso che va affrontato in maniera graduale, seguendo alcuni semplici consigli per prendersi cura a distanza dei quattro zampe.

Come si riconoscono i disturbi comportamentali

Innanzitutto, il cane o il gatto ci inviano dei segnali precisi quando ci vogliono far sapere che soffrono il distacco.

Ad esempio, il pet può impiegare più tempo del previsto a prendere sonno di notte oppure può avere all’improvviso meno appetito del solito. I bisogni fatti in casa possono essere un altro campanello d’allarme da non sottovalutare.

I comportamenti tipici dell’ansia da separazione sono davvero tanti, vediamone alcuni:

  • Agitazione
  • Iperattività
  • Oggetti danneggiati senza motivo apparente
  • Miagolii e abbai senza sosta a qualsiasi ora del giorno

In tutte queste situazioni bisogna porsi una domanda: cose posso fare perchè il quattrozampe non sia ansioso? Una vera e propria formula magica non esiste, però ci sono delle soluzioni molto valide per far tornare il buonumore ai nostri migliori amici e occuparci della loro gestione a distanza.

Come gestire e superare l'ansia da separazione

Tutti questi comportamenti possono scaturire dall'ansia da separazione, che si manifesta proprio quando il pet viene separato dal padrone. I comportamenti tipici, come detto in precedenza, sono agitazione, iperattività, miagolii o abbai continui, fino a comportamenti distruttivi. Per mitigare e superare questa problematica, che colpisce 1 animale su 7, è consigliabile rivolgersi a un educatore che attraverso una terapia comportamentale e specifici esercizi riuscirà ad aiutare il pet a superare gli stati di ansia e stress causati dal distacco.

Inoltre, mettendo in pratica semplici accorgimenti è possibile aiutare il proprio animale domestico a sentirsi al sicuro anche senza il proprio padrone. Tra questi segnaliamo:

  • dare al pet una routine rassicurante 
  • non punire comportamenti errati causati da stress e ansia da separazione
  • evitare di lasciarlo solo in casa per troppe ore
  • accendere la televisione per fargli compagnia
  • ignorare manifestazioni di gioia al rientro in casa

Videosorveglianza

Molto spesso, costretti a distanza dal nostro pet, ci è capitato di chiederci cosa stesse facendo in nostra assenza, se fosse impegnato in un pisolino o nella distruzione della sua pantofola preferita. Inutile negarlo, la curiosità è sempre forte e, per soddisfarla, basta utilizzare un sistema di videosorveglianza, così da "spiare" il nostro amico e, se possibile, tenergli un po' di compagnia parlandogli.

Cibo e acqua

Gli animali sono molto abitudinari, dunque, per farli mangiare sempre allo stesso orario, anche quando non siamo in casa, possiamo affidarci a dispenser automatici che forniscono sempre le giuste porzioni di cibo.

Lo stesso discorso vale per l’acqua: le fontanelle gli permetteranno di dissetarsi con acqua sempre fresca.

Giochi e intrattenimento

Cibo, sonno e anche divertimento: il gioco per cani e gatti è fondamentale quanto alimentazione e pisolini.

La nostra assenza può spaesarli ma la sentiranno di meno se li circondiamo di tanti giochi. Con gli svaghi giusti, potranno correre, tenersi in forma e le ore passeranno rapidamente.

Siamo in ufficio e vogliamo a tutti i costi interagire con loro? Nessun problema, grazie a giocattoli che si controllano da remoto sarà come divertirsi insieme a loro.

Pet sitter

Se non riusciamo proprio a lasciare da soli gli animali domestici, possiamo sempre affidarci ai pet sitter. Questo servizio assicura a cani e gatti tutte le premure e le attenzioni di cui hanno bisogno quando siamo fuori casa: il pet sitter si occupa infatti della loro alimentazione, della pulizia, dei giochi e di farli uscire per una passeggiata.

I quattrozampe rimangono nel loro ambiente e in più si sentono confortati dalla presenza di un nostro valido “sostituto”, pronto a non fargli mancare nulla e a ridurre lo stress causato dal distacco.

Asili

Da qualche tempo, gli asili per animali domestici, hanno raggiunto un alto indice di gradimento; una soluzione più che valida e che presenta diversi vantaggi: i pet, infatti, vengono affidati a dei professionisti che cercano di gestire al meglio le ore in cui siamo lontani dai nostri migliori amici e, allo stesso tempo, favoriscono l'interazione e la socializzazione tra i diversi ospiti della struttura.

Negli asili vengono organizzate passeggiate, feste e giochi che non fanno mai sentire soli gli animali grazie alle coccole ricevute e al divertimento assicurato.

Anche se lasciare soli i nostri migliori amici a quattro zampe è difficile, con questi piccoli consigli il distacco sarà meno stressante per noi, ma soprattutto per loro!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritorno in ufficio, come superare il distacco dai nostri amici a quattro zampe

AvellinoToday è in caricamento