Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giaquinto: "La Zeza di Montoro porta d'ingresso dei Monti Picentini"

Il sindaco presenta il programma di "Carnevale si chiamava Vincenzo"

 

È stato presentato questa mattina, presso la "Sala Grasso" del Palazzo di Provincia, il programma di "Carnevale si chiamava Vincenzo", l'evento che animerà le strade e i borghi del Comune di Montoro nei giorni 16 e 23 febbraio 2020, con il raduno dei gruppi storici, e il 25 febbraio 2020, con la chiusura del Carnevale nelle frazioni di Piazza di Pandola, Borgo, Figlioli e Banzano.

Giaquinto: "Recupero di una forte caratterizzazione identitaria"

Il sindaco di Montoro e consigliere provinciale Girolamo Giaquinto ha espresso la sua soddisfazione per il coinvolgimento nel programma di altre realtà carnevalesche della Provincia di Avellino:

"Vogliamo essere la porta dei Monti Picentini, attraverso la riproposizione della Zeza di Montoro. Inoltre, grazie alla collaborazione dell'Unpli e delle altre Zeze irpine che verranno coinvolte nel raduno dei gruppi storici, intendiamo recuperare le tradizioni e quella forte caratterizzazione identitaria che è uno dei tre obiettivi del POC, oltre alla riscoperta dei valori contadini con la cipolla ramata e della figura storica di Vincenzo Galiani, martire della Repubblica Napoletana".

L'edizione, come ricordato dal presidente dell' Unpli Giuseppe Silvestri, sarà dedicata alla memoria di Antonio Angelo Napoli

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento