Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caso falsi positivi al Moscati, Festa: "Si è trattato di un errore procedurale, l'azienda deve comunque chiarire"

Il sindaco ha parlato anche dei test rapidi e della riapertura del mercato

 

Nel corso dell'intervento al Campo Coni, in occasione della riapertura della struttura sportiva di Via Tagliamento, il sindaco di Avellino Gianluca Festa si è espresso anche sulla questione dei falsi positivi all'Ospedale "Moscati": è di qualche ora fa, infatti, la notizia secondo cui la Procura avrebbe aperto un'inchiesta per far luce su quanto accaduto sull'iniziale esito dei tamponi, smentito poi da una seconda analisi condotta dall'Ospedale "Cotugno" di Napoli.

Festa: "Errore procedurale, la lettura dell'esito dovrebbe avvenire dopo il 25-30esimo ciclo"

Secondo il sindaco, la situazione non desterebbe particolare preoccupazione per i dirigenti aziendali della Città Ospedaliera: "E' evidente che deve esprimersi l'azienda in tal senso. C'è una questione di procedura: bisogna innanzitutto dire come funziona l'analisi molecolare, bisogna specificare che non è stato un errore umano, ma la lettura avviene dopo una serie di cicli, almeno dopo il venticinquesimo, massimo trentesimo. Nel caso di specie, sembra si sia avuto intorno al 35-40esimo ciclo. Fino a 40, tuttavia, il dato dovrebbe essere attendibile. E' stata una questione procedurale che, tuttavia, non mette a rischio la direzione del Moscati".

Festa, inoltre, annuncia che non è ancora finita l'esperienza dei test rapidi: "Inizieremo con il secondo ciclo per verificare se il virus è ancora presente in alcune categorie e come si è mosso in città. I test rapidi servivano come indagine epidemiologica e per assicurare maggiore tranquillità. Abbiamo individuato, insieme all'Assessore Luongo, la Casa del Volontariato per ospitare finalmente queste associazioni in una struttura propria e continuare con loro questa collaborazione sia in questa fase, sia in altre situazioni".

Sulla riapertura del mercato: "Campo Genova è l'unica area idonea a ospitarlo"

Il primo cittadino ha, infine, parlato della ripresa delle attività mercatali: "Io le avrei già riaperte, per gli alimentari. Continuo a ribadire che Campo Genova, oggi, è l'unica area idonea ad ospitare il mercato per quanto riguarda i generi alimentari. Chi realmente ha interesse che questi operatori riprendino a lavorare, e questo è un nostro obiettivo, si metterà all'opera per salvaguardare queste categorie lavorative".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento