Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Decreto "Cura Italia", gli imprenditori avellinesi urlano il loro malcontento: "Fa ridere"

Non tutti gli imprenditori hanno visto nel decreto "Cura Italia" un valido aiuto alle loro attività. Tra questi, ci sono anche alcuni dei più noti e apprezzati imprenditori del capoluogo irpino

 

Mentre l'Italia e anche l'Irpinia, sono in ginocchio a causa del Covid-19, il Governo Conte ha varato misure di sostegno per una somma pari a 25miliardi. Il premier Conte ha annunciato che, questo, è solo un primo decreto e che un altro sarà presentato nel mese di aprile.

Tuttavia, l'attuale Dpcm prevede, tra gli altri, lo stanziamento di tre miliardi e mezzo per il sistema sanitario e all'attività della Protezione civile, 10 al sostegno al reddito dei lavoratori; 3 miliardi per il lavoro autonomo e circa 120milioni per la scuola (pulizia e didattica a distanza). 

Delusione nell'imprenditoria

Misure eccezionali, in un’Italia sempre più lockdown, riservati sia a privati che imprese. Ma non tutti gli imprenditori hanno visto nel decreto "Cura Italia" un valido aiuto alle loro attività. Tra questi, ci sono anche alcuni dei più noti e apprezzati imprenditori del capoluogo irpino. Stiamo parlando di Felice Caputo (Tilt), Antonio Guida (Verdebasilico), Sandro Lauri (Beviamoci su), Antonio Del Franco (The Queen's Castle Pub) e Thomas Taccone  (Osteria Thomas). 

"E' veramente difficile essere soddisfatti di quanto proposto dal decreto 'Cura Italia' - Afferma Felice Caputo, direttore artistico e co-proprietario del Tilt. La maggior parte degli interventi sono soltanto dei palliativi. Noi stiamo affrontando percentuali di perdita mai viste prima. Questo rappresenta un autentico dramma per il mondo dell'imprenditoria, per le partite IVA e non solo". 

Gli fa eco Antonio Guida, di Verdebasilico: 

"La priorità, senza ombra di dubbio, rimane quella sanitaria ma, per noi imprenditori, questo è un decreto che fa ridere. 25 miliardi non potrebbero mai coprire le perdite che il settore ha subito. Questo denaro è poco e mal distribuito. Questa strada ci porterà verso il disastro totale". 

Nel video, l'intervista di Avellino Today, svolta in video-conferenza, nel rispetto delle norme di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento