La Regione Campania cancella la figura del direttore generale dell'Air

Costantino Preziosi da qualche ora non è più nel ruolo guida dell'Air nonostante un contratto privatistico stipulato tra le parti e con scadenza fino al 2019

L'Air per decisione politica della Regione Campania, azionista della partecipata dei trasporti, perde la figura del direttore generale.

Costantino Preziosi da qualche ora non è più nel ruolo guida dell'Air nonostante un contratto privatistico stipulato tra le parti e con scadenza fino al 2019. L’assemblea dei soci dell’Air Autoservizi irpini ha approvato il nuovo statuto societario nel quale si rinuncia  alla figura del direttore generale. Rimosso, sulla carta ma non nella sostanza. Ora si aprirà la querelle legale tra le parti.

Non è dato sapere come la Regione vorrà porsi visto che Preziosi ha un contratto in essere. Che non ci sia mai stato tanto feeling tra De Luca e Preziosi è noto a tutti.

La decisione politica, condivisa dal maggior alleato di De Luca, l'Udc di Ciriaco De Mita, ha avuto il sopravvento rispetto ai risultati conseguiti negli anni con bilanci in ordine dell'Air gestita da Preziosi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Crisi idrica, sale la tensione: aggredito dipendente ACS

    • Incidenti stradali

      Schianto ad Avella, auto contro moto: un ferito

    • Cronaca

      Buste paga gonfiate al Comune, si dimette uno dei tre impiegati indagati

    • Cronaca

      Crisi idrica, ecco i comuni che resteranno senz'acqua

    I più letti della settimana

    • L'ultimo saluto di IrpinaSannio al compianto sindacalista Emilio Antonaccio

    • Ratti nella scuola: presentata richiesta di interrogazione

    • Atripalda, il sindaco Giuseppe Spagnuolo nomina gli assessori

    • "Alto Calore società senza più nemmeno un centesimo"

    • Parco del Partenio: approvato ordine del giorno a firma D'Agostino

    • Isochimica, Della Pia (Prc): «Sentenza Tar un atto di giustizia sociale»

    Torna su
    AvellinoToday è in caricamento