Picariello: “Contro la criminalità il M5S non si tira indietro”

"Sbagliato rinviare il consiglio"

“La seduta del consiglio comunale di oggi non avrebbe dovuto dare risposte operative ma solo politiche alla crisi che la città sta vivendo. Una crisi  di certezze  alla luce di uno scenario drammatico quale quello che ci è presentato dagli episodi di cronaca degli ultimi giorni. Lo stesso interessamento della Direzione distrettuale antimafia consente di avere la misura del livello di attenzione dello Stato rispetto a questo momento particolare”. E’ quanto dichiara il consigliere del Movimento cinque stelle Ferdinando Picariello che critica fortemente la scelta di chiudere il Comune per un guasto idrico e rinviare la seduta monotematica di consiglio comunale prevista nel pomeriggio. “L’approfondimento investigativo e la risposta  dello Stato in termini di presidio del territorio riusciranno –

ne sono certo – a limitare eventuali pericoli di infiltrazione. Ritenevo essenziale che oggi si svolgesse l’assise: per dare una risposta corale, un’indicazione alla città, in termini di assunzione di responsabilità da parte degli eletti. La città, non ce lo nascondiamo, ha bisogno di certezze, la sicurezza prima di tutto è quella percepita. Mi sono sentito- prosegue- con il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia che sta seguendo da vicino la situazione. Mi ha assicurato il massimo sostegno e la vicinanza agli amministratori e alla popolazione. Mi ha anche annunciato per l’inizio della prossima settimana un incontro istituzionale ai massimi livelli, a cominciare da Sua Eccellenza il Prefetto, agli inquirenti, alle autorità di pubblica sicurezza. Non è il momento di abbassare la guardia, il richiamo del movimento Cinque stelle è a  riconvocare al più presto il consiglio comunale, anche in un luogo logisticamente più adeguato. La città  vuole certezze, noi non ci tiriamo indietro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento