Ariano, patto Pd-Lega, il neo sindaco Franza a Cusano: "L’abbiamo liberata, ora spetta a noi"

Tutto avviene sotto i riflettori su Palazzo di Città

“L’abbiamo liberata Gino, l’abbiamo liberata, ora spetta a noi” sono le parole che il candidato del Partito Democratico, Enrico Franza, rivolge al candidato sindaco della Lega, Gino Cusano, seguito da un abbraccio caloroso, dopo la vittoria dell’esponente del centrosinistra al ballottaggio su Domenico Gambacorta del centrodestra.  Tutto avviene sotto i riflettori, sul balcone del Palazzo di città di Ariano, con in piazza Plebiscito un popolo festante. E’ l’immagine che resterà nella storia di un patto alla luce del sole tra Partito Democratico e Lega.

Ma per Ariano i prossimi giorni saranno difficili: perché non è una vittoria che consente una agibilità governativa. Il sindaco Franza, infatti non avrà i numeri in consiglio comunale. La maggioranza è nelle mani dei consiglieri di centrodestra: sono ben 11, rispetto ai 2 che sostengono Franza e altri 3 di opposizione. Alla luce di ciò, Ariano vivrà lo stesso stillicidio di Avellino di un anno fa con l’anatra zoppa. Per far andare avanti l’amministrazione, Franza dovrà necessariamente scendere a miti consigli con tutte le forze presenti in consiglio comunale. Sempre se ci sarà un inizio, visto che gli undici consiglieri di centrodestra potranno ratificare le dimissioni fin da subito, con l’arrivo del commissario; e nell’arco di un anno si ritornerebbe al voto dando la possibilità al popolo di scegliere di nuovo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori pizzerie di Avellino, ecco la "Top Ten" di novembre 2019

  • Il mercato bisettimanale di Avellino trasloca

  • Il comune di Avellino cerca quattro giovani laureati

  • Nuovo Clan Partenio, altri 16 indagati: fiume di droga sulla rotta Irpinia-Balcani

  • Si sente male dal parrucchiere: donna trasportata d'urgenza in ospedale

  • Nuovo Clan Partenio, chiuse le indagini su Damiano Genovese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento