Divieto consegne a domicilio, Zinzi: "Accanimento contro i ristoratori, De Luca ragioni"

La Campania è l'unica regione d'Italia dove ristoranti e pasticcerie non possono effettuare il delivery

“L’ordinanza n.25 con la quale il Presidente De Luca vieta il delivery per la ristorazione è una mazzata per intere categorie produttive e non solo. Va modificata lasciando ai titolari delle attività di ristorazione l’autonomia di decidere se fare ricorso, come accade altrove in Italia, in piena sicurezza al servizio di consegna del cibo cucinato”. E’ la proposta che avanza il consigliere regionale Gianpiero Zinzi, già autore nei giorni scorsi di un appello sui social in tal senso rivolto al Governatore, e che trova anche la condivisione dei colleghi del centrodestra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“C’è tutto un mondo – spiega Zinzi - che ruota attorno all’attività di ristorazione, non ci sono solo i riders. Penso alle famiglie che trovano sostentamento dal lavoro di pizzerie, pasticcerie, pub, ma anche ai produttori di materie prime, ai caseifici e agli allevatori di bufale che hanno visto ridurre la domanda di latte e dei suoi derivati. Ci sono poi persone che per un motivo o per un altro non riescono a cucinare autonomamente, trovando negli ultimi tempi nella consegna del cibo cucinato un punto di riferimento. Comprensibili e giuste le ordinanze che limitano gli assembramenti, ma consentire in Campania, in piena sicurezza, il delivery di prodotti di ristorazione è una decisione di buonsenso: non metterà a rischio la salute dei cittadini e darà respiro a tanti commercianti e produttori, specie a ridosso del periodo di Pasqua. Siamo tutti consapevoli che ci aspetta un percorso lungo, fare adesso un piccolo passo indietro non sarà una sconfitta, ma permetterà a tanti di prendere un po’ di fiato. De Luca sia ragionevole e apra ad una Fase2. L’economia campana ha bisogno di sentire qualche segnale di ripresa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • 55enne di Mercogliano asintomatica aveva avuto contatti con alcuni commercianti

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • Nuovo Clan Partenio, ecco chi sono i tre nuovi indagati

Torna su
AvellinoToday è in caricamento