Concorsone bloccato dal Tar, Maraia: "Finita la campagna elettorale di De Luca"

La nota del pentastellato

Pubblichiamo di seguito una nota dell'on. Maraia (deputato M5S) sul "concorsone" della Regione Campania bloccato ieri dal TAR.

Il TAR sospende il maxi-concorso della Regione Campania. Con sentenza i giudici, dopo i numerosi ricorsi, sospendono tutto fino al 6 ottobre giorno in cui si tratterà in udienza la questione. Violato l’anonimato dei partecipanti e sinceramente ciò fa nascere legittimi dubbi sulla regolarità delle selezioni.

La campagna elettorale di De Luca e del gruppo politico che lo sostiene finisce qui. Ma questo non ci fa gioire, anzi. Non perde il governatore uscente, perdono le migliaia di giovani che credono nella meritocrazia, perdono quelli che riponevano in questa selezione una speranza per il futuro, perdono i ragazzi che hanno partecipato al concorso per non dover far la valigia ed andare a lavorare al nord o peggio fuori dal Paese.

De Luca farebbe bene a stare a casa e a non presentarsi alla prossima campagna elettorale. I suoi danni sono sotto gli occhi di tutti. 4 anni di niente per poi buttare fumo negli occhi gli ultimi 8 mesi. Dalla sanità ai rifiuti passando per i trasporti e le infrastrutture arrivando alla totale assenza nella provincia di Benevento e Salerno. Ci chiamavano improvvisati, lo Sceriffo e la classe politica che lo sostiene non sono in grado di fare un semplice concorso pubblico, regolarmente. Adesso basta, è ora di cambiare, è ora di mettere alle spalle tutto questo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • "Quando morirò lasciami dove vuoi" e lei abbandona il cadavere per strada

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Terrore ad Avellino, donna inseguita da malvivente fino a casa

Torna su
AvellinoToday è in caricamento