Il pane di Sant'Antonio e il miracolo di Tommasino

Il 13 giugno è il giorno di Sant'Antonio, il Santo dei miracoli tra i più amati dai devoti

In tanti paesi dell'Irpinia il 13 giugno si svolge il rito della benedizione e distribuzione del pane di Sant’Antonio. I fedeli, oppure i panificatori portano in Chiesa del pane in varie forme, talvolta si tratta di piccole pagnotte, solo simboliche. Durante la messa, oppure al suo termine, il parroco procede alla benedizione dei pani. Questi vengono poi distribuiti ai fedeli in cambio di una piccola offerta per essere portati in dono ad amici o familiari in segno di carità e condivisione in onore del Santo.

Il pane è uno dei simboli che caratterizzano l'identikit iconografico e iconologico di Sant'Antonio. Tra i miracoli attribuiti al Santo e narrati nel processo della canonizzazione, c'è il racconto di una donna che aveva lasciato incautamente il figlioletto di 20 mesi a giocare in cucina e lo trova annegato in un mastello d'acqua. Disperata, la mamma promette che se il figlio fosse tornato in vita per intercessione di sant'Antonio, avrebbe donato tanta farina per fare il pane per i poveri quanto era il peso del bambino. E così fu. Il racconto del prodigio – narrato in una biografia del Santo, redatta nel 1293 – dà evidenza del "doppio binario" della santità di Antonio che è, da una parte, il santo "del libro" – il santo dei Sermoni, il predicatore, il primo teologo dell'ordine francescano a cui Francesco connette l'impegno di insegnare teologia ai frati – e, dall'altra parte, è il taumaturgo, il santo della confidenza, capace di ascoltare il grido dei poveri e di suscitare la venerazione popolare.

Il miracolo riveste una particolare importanza nella storia della devozione antoniana poiché ad esso si fa risalire la tradizione di donare il Pane dei poveri, cosiddetto “pondus pueri” (il peso del bambino) con il quale, i genitori in cambio di protezione per i propri figli promettevano al Santo tanto pane quanto era il loro peso.

Sant'Antonio è il santo dei poveri e il pane – archetipo antico di condivisione – è simbolo di questa carità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia atroce, donna ritrovata senza vita

  • Nuovo clan Partenio, ecco dove i camorristi nascondevano il libro mastro dell'usura

  • "Nuovo Clan Partenio" in ginocchio, i dettagli dell'operazione

  • Avellino, maxi blitz contro il nuovo clan Partenio: 23 arresti

  • Guida Espresso 2020, i migliori ristoranti in Irpinia

  • Nuovo Clan Partenio: "Se vuoi risolvere il problema devi prendergli la macchina"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento