Sturno set cinematografico per un giorno: cittadini alle prese con le riprese di "Le Origini"

Appuntamento domenica dalle 10.30 per girare il videoclip degli Spacca il Silenzio

Sturno set cinematografico per un giorno. E' il paesino irpino la location scelta dalla band Spacca il Silenzio per girare il videoclip del loro ultimo brano "Le Origini" con la regia di Renato Giugliano, già direttore di «Artisti Di Strada Paparaparapà».

ll nuovo singolo di Luigi e Feliciano Grella è un vero e proprio ritorno alle origini, in quanto i due fratelli sono bolognesi d'adozione, ma irpini d'origine. Il brano racconta la storia che accomuna tanti giovani del sud: un ragazzo che per rincorrere i sui sogni decide di andare via dal paese nativo, ma con quei luoghi dove lascia gli affetti più cari, resterà sempre un legame viscerale. Lo stesso legame che conservano gli Spacca Silenzio con Sturno.

Il set sarà ambientato tra le mura della casa paterna dei Grella e tra le viuzze del paese. D'altronde Sturno è il posto in cui tutto è cominciato e da dove la band ha raggiunto il successo passando, tra l'altro, per un duetto con Lucio Dalla con la canzone «Da questo muro».

Oltre ai fratelli Grella sul set, un cast d'eccezione con attori non professionisti reclutati tra gli abitanti del paese e i fans della band. Tra i tanti a prendere parte al videoclip anche il sindaco, Vito Di Leo, il parroco, Don Alberico Grella, il tenente dei vigili urbani, Vincenzo Nitti ed altre personalità del paese compresi medici e negozianti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto per la famiglia Pennella: Peppino tradito dalla sua passione per la foto

  • Quasi tre anni in carcere da innocente, finisce l'incubo di un 23enne

  • La "Masi" anticipa l'uscita per il terremoto, la dirigente rimuove il responsabile 

  • Mangiano e dormono all'agriturismo e poi scappano senza pagare

  • L’irpina Enrica Musto commuove il pubblico di “Tu si que vales”

  • Trovato il cadavere di un 51enne in un appartamento

Torna su
AvellinoToday è in caricamento