Natura che cura, la medicina naturale spiegata agli studenti irpini

Il progetto è dedicato agli studenti e alle loro famiglie con lo scopo di sensibilizzare alla prevenzione delle malattie attraverso stili di vita salutari

Il progetto “Natura che Cura” per l’anno scolastico 2016/2017 coinvolgerà molte scuole su tutto il territorio nazionale in una serie di incontri tra studenti e medici. Il progetto AMIOT - Associazione Medica Italiana di Omotossicologia - con il contributo incondizionato di GUNA S.p.A, prevede l’utilizzo di un kit multimediale per aumentare la conoscenza degli studenti sul tema della prevenzione delle malattie a 360° mediante corretti stili di vita e sull’uso consapevole e appropriato delle medicine di origine biologico-naturale.

Giovedì 27 aprile il Dr. Luigi Coppola spiegherà l’importanza di adottare corretti stili di vita agli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado L. Vincenzo Cassitto di Bonito (AV).

L’iniziativa “Natura che Cura” è dedicata agli insegnanti, agli studenti dagli 8 ai 13 anni e alle loro famiglie, coinvolgendo direttamente le scuole primarie - in particolare le classi terze, quarte e quinte - e secondarie di primo grado italiane, con lo scopo di sensibilizzare gli studenti alla prevenzione delle malattie attraverso stili di vita salutari. Aiutare i più giovani e le loro famiglie a comprendere le potenzialità dei rimedi naturali in chiave preventiva, al fine di aumentare l'indice di benessere della popolazione, significa fare in modo che anche gli adulti di oggi, oltre a quelli di domani, possano fare luce su un argomento ancora sconosciuto a molti e possano optare per una scelta responsabile a tutela della propria salute.

Con il supporto del kit multimediale i medici esperti di medicina naturale illustreranno agli studenti e ai loro insegnanti come le cosiddette Medicine Complementari si rivelino essere una scelta di rispetto per la salute dell’uomo, contribuendo così a sfatare i pregiudizi che ancora pesano su questi strumenti terapeutici e attribuiscono a queste cure una minore efficacia rispetto ai farmaci convenzionali. Il vero cuore della lezione a supporto didattico per il medico/docente sarà infatti una chiavetta usb che è stata strutturata attentamente da esperti pedagogisti e insegnanti - per le Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado - trattandosi di u-n vero e proprio percorso di conoscenza che il medico/docente ha la possibilità di approfondire, per fornire agli tudenti e agli insegnanti interessanti informazioni e generare riflessioni condivise. Per sensibilizzare anche i genitori gli alunni che assistono alla lezione porteranno a casa una documentazione informativa che brevemente, ma con efficacia, illustri la genesi, l’uso e la validità delle Medicine non Convenzionali.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Violento scontro moto-auto: centauro gravemente ferito

    • Cronaca

      Segnalato 41enne: aveva 5 grammi di hashish in casa

    • Incidenti stradali

      Schianto sull'Ofantina: Antonio trasferito a Pozzuoli

    • Cronaca

      Violenza privata a Chiusano San Domenico: due denunce

    I più letti della settimana

    • Cosa fare ad Avellino e in provincia nel lungo ponte del 1°maggio

    • Carlo Cracco ospite della famiglia Marinelli per una serata di beneficenza

    • Maggio dei monumenti: concerti, mostre e spettacoli nei luoghi storici di Avellino

    • Ictus cerebrale: fattori di rischio e nuove procedure gestionali e diagnostiche

    • “Maggio dei libri”, le iniziative del Liceo Scientifico “Mancini”

    • Fiera di Venticano, 40ennale con i fiocchi

    Torna su
    AvellinoToday è in caricamento