Giornata Mondiale della Prematurità. Il Vescovo benedice 100 bimbi assistiti al Moscati

All'appuntamento ci sarà anche il sindaco Gianluca Festa

Avranno una benedizione speciale i circa 100 bambini nati prematuri nel 2018 e nel 2019 che domenica 17 novembre, in occasione della Giornata Mondiale della Prematurità, torneranno con i genitori all’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino per partecipare alla festa organizzata per loro dall’Unità Operativa di Patologia Neonatale e Tin (Terapia Intensiva Neonatale). Ci sarà infatti anche il Vescovo, Monsignor Arturo Aiello, ad accogliere i piccoli nell’area antistante all’aula magna (Città Ospedaliera, primo piano, settore B, ore 11), insieme al sindaco di Avellino, Gianluca Festa, al Direttore Generale dell’Azienda “Moscati”, Renato Pizzuti, e al Direttore Sanitario, Rosario Lanzetta. Prima di partecipare alla manifestazione, il Vescovo officerà, alle ore 10, una Santa Messa nella cappella ospedaliera (quarto piano, settore A) in onore di San Giuseppe Moscati, la cui festa liturgica si celebra domani, 16 novembre.

Al termine della funzione, un’illuminazione viola, il colore simbolo della giornata della Prematurità, indicherà il percorso verso lo spazio affollato dai tanti neonati che sono riusciti, grazie alle cure dei professionisti della Città ospedaliera, a superare le difficoltà legate alla nascita pretermine. «L’evento – sottolinea il responsabile dell’Unità Operativa di Patologia Neonatale e Tin, Sabino Moschella - sarà un’occasione per rivedere le famiglie con le quali abbiamo condiviso momenti di preoccupazione e di gioia. Sarà emozionante fare una carezza a quei tanti piccoli che sono stati assistititi con amore e professionalità da tutto il personale della Neonatologia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il reparto, individuato come centro Hub regionale di Terapia Intensiva Neonatale, fa registrare una media di 120 ricoveri all’anno di prematuri, provenienti non solo dall’Irpinia, ma da tutte le province campane. La Terapia Intensiva è “aperta”, cioè consente la visita dei familiari dei piccoli ricoverati senza rigide imposizioni orarie: una scelta nel segno dell’umanizzazione dell’assistenza, verso la quale sono indirizzate anche le tecniche assistenziali adottate dal personale del reparto, come la marsupioterapia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus: è gravissimo al "Moscati"

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Dramma in Irpinia, il comandante dei carabinieri è stato trovato senza vita

  • Coronavirus in Irpinia, l'Asl conferma tutti i casi positivi del serinese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento