Caso Whirlpool, la Cgil: “Azienda offensiva, in Irpinia 200 famiglie a rischio”

L'azienda - dice Franco Fiordellisi, segretario generale Cgil Avellino - non ha tenuto, per ora, conto delle disponibilità da parte del Governo e delle Parti sociali

«L'azienda - dice Franco Fiordellisi, segretario generale Cgil Avellino - non ha tenuto, per ora, conto delle disponibilità da parte del Governo e delle Parti sociali. La stessa non tiene conto di quanto il territorio campano ha dato in questi anni e non vuole considerare nella sua interezza il dramma lavorativo che si innesta con questa sciagurata decisione nell'ambito di tutta la filiera produttiva fulcrata sulla produzione di lavatrici».

«In Irpinia come da tempo denunciato e manifestato dai lavoratori e dalla Filctem verrà meno buona parte del comparto gomma plastica con circa 200 famiglie senza reddito certo. In questi mesi la politica, laProvincia di Avellino, la deputazione regionale tra consiglieri e delegati sono rimasti quasi muti! Così non va bene».

«Ricorderemo chi è stato e starà vicino ai lavoratori e le *#ooss* in questa battaglia di civiltà e lavoro, perché oltre le chiacchiere servono fatti. Il tutto si innesta con la drammatica e delicatissima vicenda Ics», conclude Fiordellisi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Avellino è in lutto: Tina si è spenta dopo una lunga malattia

  • Tragedia alla clinica Malzoni: bimbo nato morto, aperta un'inchiesta

  • Azienda cerca vari profili per opportunità di lavoro

  • Avellino, maxi blitz contro il nuovo clan Partenio: 23 arresti

  • "Nuovo Clan Partenio" in ginocchio, i dettagli dell'operazione

  • Bimbo nato morto alla clinica Malzoni, effettuata l'autopsia

Torna su
AvellinoToday è in caricamento