Otto mesi senza stipendio, ora intimano di fare lo sciopero della fame

I dipendenti della Tecnoservice sono stanchi dei continui rinvii. E programmano un presidio permanente davanti l'Ospedale Moscati dal 12 ottobre

Non percepiscono lo stipendio da otto mesi. I dipendenti della Tecnoservice sono stanchi dei continui rinvii. E programmano un presidio permanente davanti l'Ospedale Moscati dal 12 ottobre con relativo sciopero della fame. 

"E' l'unico caso in Italia in cui i soldi ci sono ma non vengono utilizzati per pagare gli stipendi – interviene il segretario generale della Cgil fp Marco D'Acunto – pertanto affinchè la vertenza non cada nel dimenticatoio e per garantire le mensilità arretrate a questi lavoratori ci vediamo costretti ad attivare azioni che mettono in discussione il servizio presso l'azienda ma anche, per quanto riguarda noi dirigenti sindacali che vogliamo sostenere in maniera forte questa vertenza, la nostra incolumità attraverso Rincara la dose Costantino Vassiliadis "In capo alla Tecnoservice c'è un pignoramento da parte di Equitalia e l'Azienda Moscati non può erogare queste somme. A Rosato, tramite il Prefetto, abbiamo chiesto di sbloccare le somme direttamente ai lavoratori ma l'avvocatura del Moscati ci ha detto che non è possibile e quindi ci vediamo costretti ad adottare tutte le forme di protesta in nostro possesso per portare avanti questa vertenza".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori pizzerie ad Avellino e Provincia, ecco la nostra nuova "Top ten"

  • Tragedia in autostrada, morto un irpino e la figlia di 6 anni

  • Incendio Pianodardine: l'Asl vieta raccolta e consumo di frutta, verdura, acqua, latte e uova

  • Incendio ad Avellino, risarcimento danni per i residenti

  • Incendio Pianodardine, ecco la prima relazione Arpac sulla qualità dell’aria

  • Irpinia senza pace: nuove fiamme sul Partenio

Torna su
AvellinoToday è in caricamento