OSS precari, Iannace: "Bisogna fare chiarezza e velocizzare le procedure di stabilizzazione"

Le parole del consigliere Iannace

Si sono tenute, questa mattina, in Commissione consiliare Sanità e Sicurezza Sociale della Regione Campania, le audizioni sulla situazione di precariato di molti Operatori Socio Sanitari iscritti al Registro Regionale. Sono stati ascoltati i responsabili delle aziende sanitarie che al loro interno presentano personale da stabilizzare. “Si tratta di una materia delicata - ha dichiarato il consigliere regionale Carlo Iannace, componente della Commissione Sanità e Sicurezza Sociale -, perché non è semplice garantire procedure di stabilizzazione a chi ha lavorato e lavora con le cooperative. Bisogna fare chiarezza e velocizzare le procedure di stabilizzazione del mondo del precariato, per garantire una stabilità alle persone che lavorano nel sistema sanitario e in particolare agli Oss che hanno prestato lavoro in modo non stabilizzato. Vanno garantiti maggiori diritti a queste persone che vivono una situazione difficile anche a causa del commissariamento della sanità campana che non permette di accedere a determinati concorsi. Manca una chiarezza legislativa per la quale devono mettersi in moto gli organi competenti, ai quali la Commissione, che ha ascoltato le istanze delle aziende del territorio campano, invierà il resoconto di un confronto che ha dato la possibilità di recepire una serie di elementi che permetteranno di continuare a lavorare per rispondere all’esigenza di stabilizzazione degli Oss e di tutti gli altri operatori sanitari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto nella notte, epicentro in Irpinia

  • La terra trema ancora, altra scossa in serata

  • Brutto incidente ad Avellino, tre le auto coinvolte

  • Nuovo Clan Partenio, si stringe il cerchio sui rapporti tra camorristi e professionisti

  • Quasi tre anni in carcere da innocente, finisce l'incubo di un 23enne

  • Dipendente “infedele” ruba nel supermercato dove lavora

Torna su
AvellinoToday è in caricamento