Piano per il lavoro nella pubblica amministrazione: ecco gli enti irpini che hanno aderito

Dopo la sottoscrizione dei relativi accordi di collaborazione con la Regione Campania, ogni singolo Ente comunicherà al Formez il proprio fabbisogno di personale

Cinquantasei comuni dell'Irpinia più una Comunità Montana hanno aderito al Piano per il Lavoro nelle Pubbliche amministrazioni, redatto dalla Regione Campania. L'elenco vede Montemiletto, Bisaccia, Vallesaccarda, Andretta, Montella, Castelvetere, Calitri, Villanova, Gesualdo, Montaguto, Greci, Pietradefusi, Sirignano, Calabritto, Montefalcione, Ariano, San Martino, Fontanarosa, Castel Baronia, Aiello, Sant'Angelo, Rocca, Salza Irpina, Carife, Grottolella, Zungoli, Sorbo, Roccabascerana, Lacedonia, Monteforte, Santo Stefano del Sole, Frigento, San Potito, Sturno, San Michele Serino, Scampitella, San Sossio Baronia, Comunità Montana Valle Ufita, Trevico, Morra de Sanctis, Villamaina, Santa Lucia Serino, Flumeri, Prata, Chianche, Serino, Caposele, Marzano, Senerchia, Conza, Teora, Lioni, Monteverde, Atripalda, Avellino, Venticano, Volturara.

Dopo la sottoscrizione dei relativi accordi di collaborazione con la Regione Campania, ogni singolo Ente comunicherà al Formez il proprio fabbisogno di personale necessario all’avvio delle procedure selettive per il corso-concorso.
La finalità è favorire il potenziamento delle capacità istituzionali ed amministrative delle pubbliche amministrazioni locali della Campania, attraverso il reclutamento di personale di area D e C (diversi profili) da impegnare nell'amministrazione regionale e negli Enti locali aderenti al progetto.

L’obiettivo specifico è selezionare, formare e qualificare, con le modalità del concorso-corso, 10.000 potenziali dipendenti pubblici da immettere negli organici della Regione Campania e delle amministrazioni locali della Campania a copertura delle posizioni già vacanti e di quelle che si libereranno per i numerosi pensionamenti previsti nel prossimo triennio. L'iniziativa, oltre a garantire un turn over efficace ed efficiente, contribuirà ad innalzare la qualità dei dipendenti pubblici che operano negli Enti Locali campani attraverso la progressiva immissione in ruolo di risorse capaci, specificamente selezionate e formate sulle competenze necessarie a supportare processi di sviluppo locale sostenibile coerenti con gli obiettivi comunitari e nazionali.

Descrizione delle fasi progettuali
Per l'avvio delle attività si prevede il coinvolgimento, da parte dell'Amministrazione regionale, della Commissione Interministeriale RIPAM, che sarà titolare della procedura e ne garantirà il corretto svolgimento. FormezPA supporterà la Commissione e l'Amministrazione regionale e assicurerà la realizzazione di tutte le attività.
Attività da realizzare nell'ambito della procedura di corso­concorso:
A) Ricognizione dei fabbisogni assunzionali della Regione Campania e degli Enti locali della Campania
La Regione Campania, con il supporto del FormezPA, provvederà ad individuare i propri fabbisogni assunzionali. Utilizzando i risultati della ricognizione dei fabbisogni sarà possibile quantificare il numero dei posti da mettere a bando per i singoli profili concorsuali.
B)  Realizzazione del Corso-concorso
Il Bando espliciterà in maniera comprensibile e coerente tutte le modalità di partecipazione, di selezione e di formazione. La fase concorsuale vera e propria sarà articolata nel modo seguente:
B.1 Preselezione
Prevedendo la partecipazione di un numero elevato di candidati, si renderà necessaria la realizzazione di una fase di preselezione, che sarà differenziata per i diversi profili messi a concorso. È prevista una prova attitudinale prevalentemente con test critico-verbali, logico-matematici e di abilità visiva che sarà superata da un numero congruo di candidati (il numero sarà definito dalla Commissione interministeriale anche tenendo conto dei posti che saranno messi a concorso).
B.2 Selezione
La fase di selezione si articolerà, per ognuno dei profili messi a concorso, in due prove scritte e una prova orale. La prima prova scritta si articolerà in test a risposta multipla relativi alle materie e/o ambiti disciplinari specifici del profilo concorsuale, all'accertamento delle conoscenze linguistiche e di informatica; la seconda prova scritta sarà volta ad accertare il possesso di competenze tecnico­professionali e prevedrà la risoluzione di quesiti a risposta sintetica. Tutti coloro che supereranno le prove scritte con un punteggio minimo di 21/30 o votazione equivalente, saranno ammessi alla fase di formazione e tirocinio. A conclusione della fase di selezione saranno stilate le diverse graduatorie (una per ogni profilo) definite sommando il punteggio delle prove scritte e il punteggio della prova orale, nonché quello della valutazione dell'attività di formazione e tirocinio.
B.3 Formazione e tirocinio
I candidati che avranno superato le prove scritte saranno assegnatari di una borsa di studio e saranno ammessi a frequentare un percorso formativo che si articolerà in attività didattica e tirocinio (le borse di studio saranno erogate direttamente dalla Regione Campania con modalità da specificare). La partecipazione al percorso formativo e al tirocinio è obbligatoria e costituirà titolo per essere ammessi alla prova finale.
I candidati selezionati parteciperanno alle iniziative attraverso account personalizzato e certificato e con il supporto di un servizio di tutoraggio continuo. La formazione sarà erogata prevalentemente in modalità MOOC (Massive Open Online Courses), anche in collaborazione con le Università del territorio, con contenuti coerenti con i profili messi a concorso.
Il percorso di accompagnamento formativo sarà strutturato in moduli comuni a tutti i profili e in moduli specialistici per ogni profilo. Tutte le attività formative saranno monitorate e facilitate da tutor e docenti esperti e potranno eventualmente dare diritto a crediti formativi. Il tirocinio, sarà svolto prevalentemente presso le amministrazioni di assegnazione e prevedrà, a conclusione, la predisposizione di un elaborato. Nell'ambito del percorso sono previsti incontri di verifica dei processi di apprendimento e le valutazioni finali. L'attività di formazione e tirocinio avrà una durata complessiva di 10 mesi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori pizzerie ad Avellino e Provincia, ecco la nostra nuova "Top ten"

  • Tragedia in autostrada, morto un irpino e la figlia di 6 anni

  • Incendio Pianodardine: l'Asl vieta raccolta e consumo di frutta, verdura, acqua, latte e uova

  • Incendio ad Avellino, risarcimento danni per i residenti

  • Incendio Pianodardine, ecco la prima relazione Arpac sulla qualità dell’aria

  • Irpinia senza pace: nuove fiamme sul Partenio

Torna su
AvellinoToday è in caricamento